L’Austria il 27 dicembre torna in lockdown totale: negozi, bar e ristoranti chiusi e “coprifuoco” di 24 ore al giorno. La vera novità del terzo lockdown però è lo screening di massa, in programma il 16 e 17 gennaio. Solo chi avrà un esito negativo potrà uscire dal 18 gennaio, quando i negozi e ristoranti apriranno. Chi non si sottopone al tampone rapido resta per un altra settimana in quarantena. Anche le scuole riapriranno solo il 18 gennaio.

Dopo Natale quindi l’Austria entrerà nel suo terzo lockdown nazionale dall’inizio della pandemia. Una misura necessaria dopo che nella settimana tra il 30 novembre e 6 dicembre sono morti 2.536 austriaci, ovvero uno dei valori più alti degli ultimi 50 anni che si colloca di ben l’85% oltre la media settimanale degli ultimi cinque anni. Un quarto dei decessi è direttamente imputabile al coronavirus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, party e discoteche clandestine a Madrid: le immagini del blitz della polizia

next
Articolo Successivo

Usa, dietro l’ultimo attacco informatico c’è lo spettro della Russia. Di nuovo

next