Perderemo il 50% del fatturato della stagione. Una perdita enorme per questi professionisti. Senza ristori concreti l’economia montana non può sopravvivere”. Così Gianni Poncet, presidente Amsao, rappresentante dei 3mila maestri di sci del Piemonte e della Liguria che oggi hanno manifestato in piazza Castello a Torino contro la chiusura degli impianti sciistici. “Se si proroga è un dramma. La salute per prima, ma bisogna tenere in considerazione che nelle vie della città non c’è sicurezza, noi sulle piste invece possiamo dare una sicurezza maggiore”, aggiunge Marco Bottero, vicepresidente del Collegio regionale maestri di sci.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Caporalato sulle ambulanze a Pavia: “54 lavoratori in nero da 7 anni, orari estenuanti”. Denunciato il responsabile della cooperativa

next