Nelle ultime 24 ore in Italia sono stati accertati 21052 nuovi casi su 194984 tamponi processati, con un’incidenza del 10,8 per cento. I morti comunicati oggi dal bollettino del ministero della Salute sono 662: un dato che resta ancora molto alto, ma quanto meno è in calo rispetto ai numeri degli ultimi giorni. Importante calo dei ricoverati in ospedale: sono 1042 in meno rispetto a venerdì. Anche il saldo tra ingressi e usciti in terapia intensiva segna un meno 50. Sono 23923 i guariti: gli attuali positivi scendono a 754.169.

I contagi giornalieri restano anche oggi sopra quota 20mila, per il quarto giorno consecutivo. Il rapporto tra positivi e test effettuati torna leggermente a calare, dopo che ieri era risalito sopra l’11% con 24mila casi accertati. Rispetto a una settimana fa, invece, ci sono 5271 casi in meno. E sabato scorso il tasso di positività era all’11,6%. Il confronto generale dei numeri di questa e della scorsa settimana testimonia il progressivo rallentamento dei contagi. Il tasso di positività medio di questa settimana si attesta al 10,8%: tra lunedì e sabato scorso era al 12,5%. I casi complessivi nei 6 giorni della settimana erano 155.693, con oggi invece arrivano a 124.812. “Anche se il trend è decrescente, i valori di incidenza sono ancora alti“, ha però sottolineato venerdì il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro.

Al calo della curva dei contagi si affianca ora anche quello della curva dei ricoveri: i pazienti Covid che hanno bisogno di cure in ospedale stanno tornando sotto quota 30mila. Oggi però sono ancora 30.158, a cui si affiancano 3.517 posti letto occupati in terapia intensiva. Sono 50 in meno di venerdì, ma il numero degli ingressi nei reparti di T.I resta ancora elevato: sono 192 quelli comunicati al ministero della Salute nelle ultime 24 ore. In Piemonte 36 persone con il coronavirus hanno avuto bisogno della terapia intensive. Altre 31 in Veneto, 26 in Lombardia e 23 in Puglia. Oltre alla Provincia di Bolzano, anche in altre 6 Regioni nelle ultime 24 ore non stati comunicati nuovi accessi alla terapia intensiva: sono Campania, Marche, Calabria, Basilicata, Valle d’Aosta e Molise.

I dati regionali – Oggi è il Veneto la Regione che fa registrare il maggior numero di casi in termini assoluti: 3.607 nuovi contagi su 16.386 tamponi, oltre a 108 morti. Segue la Lombardia con 3148 positivi accertati su 31mila tamponi e 111 morti. Le altre Regioni sono tutte sotto i 2mila casi accertati: l’Emilia-Romagna conta 1.964 nuovi contagi, il Lazio 1.783, la Campania 1.521. In calo anche il Piemonte con 1.456 casi accertati oggi e la Sicilia con 1.240. La Toscana e il Friuli-Venezia Giulia tornano sotto i mille positivi in un giorno: rispettivamente 769 e 755. Aumenntano invece i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 1.884 rispetto ai 1.419 di ieri.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, animalisti filmano l’abbattimento di migliaia di visoni nell’allevamento lombardo di Capralba

next
Articolo Successivo

Covid, anziana muore nella Rsa a Rieti: la sua bara lasciata in mezzo ai sacchi della spazzatura in attesa del carro funebre

next