Giovanni Rezza, direttore generale dipartimento di Prevenzione del Ministero della Salute commenta così i dati settimanali della ‘cabina di regia’: “Anche questa settimana è ancora alto il tasso di occupazione delle terapie intensive che si trova al di sopra della soglia critica a livello nazionale, anche se si nota un iniziale lieve decremento dei ricoveri ospedalieri. L’incidenza è ancora elevata, intorno a 570 casi per centomila abitanti“. Per Razza “grazie all’effetto delle misure delle misure di contenimento scende di pochi al di sotto di 1 l’Rt – ma sottolinea – è necessario continuare a mantenere comportamenti prudenti in previsione delle prossime feste

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, il caso dell’ospedale di Trebisacce: mai riaperto nonostante tre sentenze del Consiglio di Stato

next
Articolo Successivo

Incendio doloso in una comunità di recupero nel Catanese: morto un frate. Identificato e bloccato dai carabinieri il presunto autore

next