Il lockdown light in Germania sarà prolungato fino al 10 gennaio. Angela Merkel e i ministri presidenti dei Laender lo hanno deciso in un incontro ordinario in videoconferenza dopo un braccio di ferro con gli stati federali. Le tensioni fra il governo tedesco e i Länder in vista del Natale sono proseguite per giorni. Solo una settimana fa era stato raggiunto il faticoso accordo per prolungare il semi-lockdown fino al 20 dicembre e per allentare il divieto di contatto durante le feste, consentendo incontri fino a 10 persone. L’alleggerimento delle misure durante le festività però aveva subito aperto un altro fronte: almeno 8 Länder infatti avevano fatto sapere di voler aprire gli alberghi dal 23 dicembre al primo gennaio per chi si spostava per visite di famiglia. Un annuncio che era stato fortemente criticato dalla cancelliera: “Mi è mancata la fantasia per immaginare che proprio le regioni più colpite avessero intenzione di riaprire gli alberghi”, ha detto durante una riunione con il direttivo della Cdu.

Nella risoluzione approvata la scorsa settimana ristoranti e alberghi non erano citati tra gli allentamenti previsti per Natale. Il governo federale voleva linea dura: quindi le chiusure previste intanto fino al 20 dicembre sono state prolungate fino alle fine delle festività. Nell’accordo era stato scritto: “Gli stati federali presumono che saranno necessarie ampie restrizioni anche oltre la fine dell’anno a causa dell’elevata incidenza di infezioni. Effettueranno un’altra revisione e valutazione prima di Natale“.

Che la situazione fosse già tesa lo dimostrava la questione degli hotel. Mentre ieri Merkel andava ripetendo che serve prudenza per evitare una terza ondata – “Questo inverno dovremo essere ancora molto molto attenti” – alcuni Stati federali annunciavano l’apertura degli hotel. Tra questi ci sono ad esempio Meclemburgo-Pomerania e Schleswig-Holstein, due zone dove il virus circola relativamente poco: l’incidenza è inferiore a 50 nuovi contagi ogni 100.000 abitanti in una settimana. Ma a far infuriare la cancelliera sono invece gli annunci arrivati da Berlino, una delle zone più colpite dalla pandemia. È alla Capitale che Merkel si riferiva quando dice che le mancava l’immaginazione per sospettare che i Länder particolarmente colpiti dal virus volessero aprire gli hotel.

Le aperture proposte dai governi federali per gli hotel non riguardavano il turismo, ma solo i viaggi per i ricongiungimenti familiari durante le festività, quindi dal 23 dicembre al 1 gennaio. Ad oggi gli alberghi tedeschi sono già aperti, come in Italia, ma solo per viaggi di lavoro. “La regola è che vanno evitati tutti i viaggi che non sono assolutamente necessari. Questo include viaggi turistici. Visitare i parenti non è un viaggio turistico “, ha detto Melanie Reinsch, portavoce della Cancelleria del Senato di Berlino, al Tagesspiegel. Per Merkel però è già troppo. La cancelliera inoltre ha giustificato le sue critiche spiegando che non sarà possibile verificare se gli ospiti che hanno soggiornato in hotel abbiano effettivamente fatto visita a dei parenti.

Alla fine la decisione è stata presa. La stessa dialettica che in Italia vede di fronte il governo (sulla linea della cautela) e le Regioni (che invece spingono per riaprire) si ripropone anche in Germania. Ovviamente in tono minore, visto che (a parte Baden-Württemberg e Turingia) tutti i Länder sono amministrati da presidenti di Cdu o Spd, le due forze al governo del Paese. Merkel, però, guarda alla vicina Francia, dove un lockdown più duro ha permesso di abbassare più velocemente la curva dei contagi. La Germania, durante la prima ondata e a settembre con la scuola, rischiava un Natale senza una chiusura ordinata, ma con regole diverse per ristoranti e locali da Land a Land. Ma la chiusura invece durerà oltre un mese.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, auto piomba sulla folla a Treviri: 5 morti, c’è anche bimbo di 9 mesi. Fermato il conducente: è un 51enne tedesco

next
Articolo Successivo

Valéry Giscard d’Estaing, è morto l’ex presidente della Repubblica francese: aveva 94 anni

next