30 maggio 2019. Alle sette del mattino i finanzieri si presentano a casa di Luca Palamara con un decreto di perquisizione. È l’inizio di un terremoto che di lì a poco squasserà la magistratura italiana dalle fondamenta. Perché Luca Palamara non è un magistrato qualunque: ex presidente dell’Anm, membro di spicco del Csm, in quel momento si sta ritagliando un futuro da Procuratore aggiunto di Roma. Ma non è tutto. Palamara è il “mister Wolf” della magistratura. È a lui che si rivolgono i colleghi che cercano di ottenere un trasferimento o uno scatto di carriera, è a lui che chiedono consigli ed è lui che cercano per appianare dissidi. Sempre disponibile, sempre pronto ad ascoltare ciò che gli altri hanno da dire. Ma ben attento a costruire la sua personalissima strategia, volta a egemonizzare la magistratura con uomini e donne a lui fedeli. Il suo telefono squilla giorno e notte. Ed è proprio il telefono a tradirlo: dopo avergli inoculato un trojan, i finanzieri assistono in diretta allo spettacolo del potere, dove magistratura e politica s’intrecciano pericolosamente. In questo libro viene raccontato tutto nel dettaglio.

Magistropoli. Tutto quello che non vi hanno mai raccontato sul Csm e sul caso Palamara
di Antonio Massari, edizioni PaperFirst, in libreria (ACQUISTA QUI)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Femminicidio a Pordenone, “non sono serena non posso accettare l’incarico”: così l’avvocata ha deciso di non difendere Giuseppe Forciniti

next
Articolo Successivo

Covid, mascherine pagate ma mai consegnate alla Lombardia. Per la frode due imprenditori verso il processo

next