Elisa Isoardi, conduttrice ed ex fidanzata di Matteo Salvini rompe il silenzio sulla fine della relazione con il leader della Lega. Ospite il 24 novembre a Oggi è un altro giorno di Serena Bortone su Rai 1, per la prima volta dalla fine della sua storia nel 2018 con Salvini traccia un bilancio: “È andata bene com’è andata”, premette. E riguardo alla spartizione di responsabilità e colpe, dice “Gli errori sono stati da parte di entrambi. Avrei potuto esserci anche io di più, avrei potuto parlare di più, avrei potuto affrontare determinati argomenti, forse non ero pronta per altri. Tante cose”. In una vecchia intervista la Isoardi aveva dichiarato “Mi stavo annientando dell’attesa di lui”. Ma oggi, “con più maturità” pensa che avrebbe potuto “attenderlo in modo diverso”.

La fine della relazione con Salvini durata 5 anni per la Isoardi è stata difficile da affrontare. “Mia mamma e mia zia mi hanno aiutato molto e mi hanno aiutato molto anche le persone che ancora ci sono, perché le altre se ne sono andate via con il vento”, ha spiegato su Rai1. E alla domanda della Bortone sul selfie pubblicato dalla conduttrice il 5 novembre 2018 per suggellare la fine della storia d’amore con il leader del Carroccio, dice: “Ero arrabbiata. Si è sempre arrabbiati quando finisce una storia, perché è sempre un fallimento. Quindi mettere uno stop è necessario. La modalità può essere discutibile, me ne rendo conto, ma va bene così”. Sulla possibilità di parlare di nuovo con il leader della Lega che, “sento poco”, risponde che lo farebbe, “Io adesso sono tranquilla, risolta”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Mannoia dopo l’uscita di Laura Pausini: “Basta polemiche su Maradona. Non ha scelto lui di morire proprio quel giorno”

next
Articolo Successivo

Monza, 42enne ucciso a coltellate in pieno giorno: passanti chiamano i soccorritori

next