Ha voluto dire la sua anche Fiorella Mannoia sulla polemica dell’ultima ora, suscitata dal fatto che nella giornata internazionale delle donne, il 25 novembre, la morte di Diego Armando Maradona abbia catturato l’attenzione mediatica. “Se fosse morto Michael Jackson“, scrive la cantante romana su Twitter, “sarebbe successa la stessa cosa. Quando se ne vanno uomini così amati nel mondo intero è logico che succeda questo. Non ha scelto lui di morire nella giornata mondiale contro il femminicidio”. E conclude: “Anche basta con questa polemica becera”. Tra i fan che commentano sotto il suo profilo, c’è chi le chiede se il suo tweet arrivi in risposta alle affermazioni di qualche ora prima di Laura Pausini, collega con cui la Mannoia condivide la battaglia di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne. La Pausini, salvo poi cancellare il post, qualche ora prima aveva infatti commentato così su Instagram: “In Italia fa più notizia l’addio ad un uomo sicuramente bravissimo a giocare al pallone, ma davvero poco apprezzabile per mille cose personali diventate pubbliche, piuttosto che l’addio a tante donne maltrattate, violentate, abusate. Oggi non sono la notizia più importante di questo paese, nonostante questa mattina ne abbia perse altre due. Non so davvero che pensare”. Ma la Mannoia ha affermato “non sapevo che Laura avesse scritto quel commento, rispondevo solo ai tanti che scrivevano questa cosa”.

Poco prima la Mannoia sempre su Twitter aveva commentato il femminicidio avvenuto a Pordenone il 26 novembre: “Intanto oggi l’ennesimo omuncolo frustato, ha ammazzato un’altra donna che ha commesso il peccato di voler essere libera”. Il prossimo giugno Fiorella Mannoia e Laura Pausini, si esibiranno insieme a Emma Marrone, Alessandra Amoroso, Giorgia, Elisa e Gianna Nannini, sul palco di Campovolo per “Una, nessuna e centomila”, spettacolo che raccoglierà fondi per i centri antiviolenza.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

The Voice Senior, Antonella Clerici: “Tra i nostri cantanti un sopravvissuto al Covid-19. La sua storia e la sua voglia di cantare”

next
Articolo Successivo

Isoardi torna sulla fine della relazione con Salvini: “Non ero pronta, abbiamo sbagliato entrambi. Il selfie? Ero arrabbiata”

next