L’allora comandante dei carabinieri della Regione Sicilia non morì per le conseguenze di un incidente stradale, come si è sempre creduto fino a ora. Fu, invece, assassinato. A sostenerlo è Pietro Riggio, l’ultimo pentito di Cosa nostra che sta raccontando alla procura di Caltanissetta delle confidenze ricevuto da Giovanni Peluso, ex poliziotto accusato di essere legato ad ambienti dei servizi. “Mi disse che il generale dei carabinieri Gennaro Niglio, morto in un incidente stradale, era stato in realtà ucciso. Era un uomo rigoroso, Niglio. Stava accertando i rapporti opachi tra alcuni appartenenti all’Arma e personaggi politici” , ha sostenuto il collaboratore, come racconta il giornalista Salvo Palazzolo sull’edizione palermitana di Repubblica. Niglio, all’epoca comandante della Regione Sicilia, morì il 9 maggio 2004, due settimane dopo che la sua auto era uscita fuori strada lungo l’autostrada che collega Palermo con Catania.

Il racconto di Riggio ha portato il procuratore aggiunto Gabriele Paci e il sostituto Pasquale Pacifico a ordinare alla squadra mobile di Caltanissetta, guidata da Marzia Giustolisi, di indagare su quell’incidente d’auto. Gli investigatori hanno cominciato ad acquisire i documenti di quella vicenda. Ed è merso che alcun anni fa un medico attivo nelle battaglie sulla cosiddetta Terra dei fuochi disse ai magistrati: “Sono stato avvisato dal boss Carmine Schiavone di stare particolarmente attento ad incidenti stradali come già capitato ad un altromio referente ed amico: Gennaro Niglio”. “Poco prima che morisse avevo dato al generale un mio appunto in cui si
parlava di indagini su Provenzano e Messina Denaro, indagini che non avevo potuto portare a termine. Attraverso un mio confidente avevo pure individuato l’infermiere checurava Bernardo Provenzano”, ha raccontato di recente Nicolò Gebbia, generale dei carabinieri in pensione, ascoltato come teste dai magistrati dell’inchiesta sul processo Trattativa Stato-mafia. Allo stesso processo è stato ascoltato Riggio, che ora racconta di aver saputo da Peluso che quell’incidente stradale in realtà era in pratica una messinscena. Peluso, ex poliziotto, viene accusato dal pentito di aver avuto un ruolo nella strage di Capaci: è attualmente sotto inchiesta da parte della procura di Caltanissetta.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia foggiana, 25 condanne in abbreviato: fino a 18 anni per boss e affiliati. “Estorsioni e minacce a imprenditori e commercianti”

next
Articolo Successivo

Il Recovery della ‘ndrangheta, maxi inchiesta sul riciclaggio di 36 miliardi. L’intercettazione: “Caruana Galizia? Raccolgono ancora i cocci”

next