Al lavoro per “riportare quanto prima in classe studentesse e studenti” che al momento stanno facendo didattica digitale a distanza, un obiettivo per il quale la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ritiene “scontato” che trovi “tutti d’accordo” e al quale “tutti collaborino”. In vista dell’arrivo del nuovo Dpcm che aggiornerà l’ultimo in scadenza il 3 dicembre, la ministra respinge la ‘rassegnazione’ a far rientrare gli alunni in classe dopo le festività natalizie. Al momento tutti gli studenti delle scuole superiori sono in didattica a distanza, mentre a seconda delle zone – gialle, arancioni e rosse – in cui si trovano le Regioni, anche gli studenti dalla seconda media sono ‘costretti’ alle lezioni da casa. In altri casi, come la Campania e la Puglia, ordinanze regionali disciplinano la chiusura anche delle elementari.

Proprio la Regione Campania lunedì deciderà su un eventuale ritorno in presenza della scuola dell’infanzia e le prime classi della scuola primaria, eventualità ipotizzata per martedì 24 novembre. Tutto dipenderà dai risultati dello screening volontario in corso da giorni su operatori scolastici e piccoli alunni: sulla base dei dati verranno assunte le decisioni in merito alla riapertura delle attività in presenza. Azzolina ha respinto i retroscena di alcuni quotidiani secondo i quali al ministero ritengano “troppo vicina” la data del 4 dicembre per programmare un rientro in classe e si dia “per scontato” che anche a dicembre gli studenti resteranno a casa. “L’unica cosa per me scontata – sottolinea la ministra su Facebook – è che siano tutti d’accordo, e che tutti collaborino, per riportare quanto prima in classe studentesse e studenti che al momento stanno facendo didattica digitale a distanza. Io sto lavorando per questo”.

“Tutta la struttura ministeriale, insieme agli uffici territoriali”, ha spiegato il ministero in una nota, “sta lavorando per riportare in classe quanto prima studentesse e studenti che al momento sono in didattica digitale. Tutto ciò nella convinzione, espressa con chiarezza in questi giorni anche dal Comitato Tecnico Scientifico del ministero della Salute e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che una chiusura prolungata delle scuole possa produrre un impatto negativo sui nostri studenti, dal punto di vista psicologico e della dispersione scolastica”.

Favorevole a un rientro almeno parziale anche la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti. “Quel che avviene in Consiglio dei ministri è riservato. Per quanto mi riguarda, la posizione mia e di Italia Viva sulla scuola è chiara e nota da tempo. Nessuno ha deciso che le scuole non riapriranno prima di gennaio. Anzi mi aspetto un piano di organizzazione per arrivare a riportare dal 3 dicembre, quando scadrà il Dpcm, i ragazzi delle classi che ora sono in dad ad una didattica integrata almeno al 50% di presenza”, ha spiegato Bonetti. “Doveva già essere fatto prima, anche questo Italia Viva chiede pubblicamente da tempo, e mi aspetto comprenda la pianificazione dei trasporti e dei servizi sanitari per la scuola, a partire dai tamponi – aggiunge Bonetti – La didattica in presenza è fondamentale anche per gli adolescenti così come lo è la continuità educativa, lo ha detto chiaramente lo studio del Gruppo di lavoro per l’emergenza Covid che ho istituito nel mio Ministero all’interno dell’Osservatorio per l’Infanzia e l’Adolescenza”.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aosta, 21 docenti su 27 rifiutano il tampone di fine quarantena: la scuola costretta a rinviare il ritorno in aula dopo l’isolamento

next
Articolo Successivo

Scuola, Azzolina punta a riapertura graduale dal 9 dicembre. Maggioranza divisa: “Dipende dai contagi”. “Lavorare su test e trasporti”

next