Gli agenti della squadra di polizia giudiziaria del compartimento della polizia ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta hanno identificato dieci componenti di una gang responsabile di diverse rapine commesse a bordo dei treni regionali sulla linea Torino-Savona. Il modus operandi del gruppo criminale era sempre lo stesso: le giovani vittime venivano accerchiate mentre erano sedute nella carrozza e venivano minacciate con coltelli, tubi metallici o bastoni costringendole a cedere loro denaro e gioielli e in una occasione perfino dei capi di abbigliamento nuovi. La violenza del gruppo in alcuni casi non si è limitata alle minacce verbali, infatti le vittime venivano spintonate e costrette a restare sedute durante le rapine. Le indagini, svolte anche attraverso il prezioso utilizzo dei social network, hanno permesso di identificare tutti e dieci i componenti della banda. Al termine dell’indagine, sono state eseguite sei misure cautelari, di cui quattro custodie in carcere, mentre gli altri sono stati denunciati in stato di libertà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piemonte zona rossa, la situazione era critica già a metà ottobre: tra lunghe attese per i test, posti letto in ritardo e carenza di personale

next
Articolo Successivo

Napoli, gli operai Whirlpool occupano l’aeroporto per protestare contro la chiusura: urla e cori dal primo piano di Capodichino

next