Prima notte di presidio permanente in fabbrica per gli operai dello stabilimento Whirlpool di Via Argine a Napoli. Al termine dell’ultimo turno i lavoratori della multinazionale americana, che nelle scorse ore ha confermato la chiusura a partire da oggi 31 ottobre, invece di tornare a casa hanno allestito un presidio h24. “Per noi questo licenziamento è come una condanna a morte – spiega Vincenzo Accurso operaio Whirlpool RSU Uilm – fuori non c’è nulla e perdere il lavoro in un periodo storico come questo è una tragedia”.

Una protesta che proseguirà ad oltranza. “Non possiamo fare altro che difendere questa fabbrica, questo lavoro, il lavoro che è stato dei nostri padri e delle nostre madri – racconta Italia Orofino, operaia Whirlpool – oggi è stato tremendo venire a lavorare, varcare quella soglia, percorrere quel corridoio e sapere che era l’ultima volta, ma non ci arrendiamo, noi restiamo qui”.

Italia e i suoi 350 colleghi percepiranno lo stipendio fino al mese di dicembre. “Al domani non riesco nemmeno a pensare – ci racconta – ci pagheranno fino a dicembre ma questo non ci cambia nulla, è un contentino, si sono rubati il nostro futuro, il futuro di una fabbrica pluripremiata nel mondo e ancora non sanno dirci perché vogliono chiudere l’impianto di Napoli, i numeri delle perdite di cui parla l’azienda nessuno li ha mai visti. Noi non vogliamo sostegno economico, noi vogliamo solo lavorare e fare quello che da sempre abbiamo fatto, ottenendo diversi riconoscimenti che oggi questa azienda sembra ignorare dopo averci elogiati e dopo aver siglato con noi, 18 mesi fa, un accordo che poi ha stracciato”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blocco dei licenziamenti, l’annuncio di Conte: “Prorogato fino a marzo. Diamo un messaggio di sicurezza a tutto il mondo del lavoro”

next
Articolo Successivo

Pubblicitari freelance, tra progetti rimandati per l’incertezza sul futuro e compensi in calo. “Ci chiedono preventivi al di sotto della dignità”

next