I lavoratori della Whirlpool di Napoli hanno bloccato il raccordo autostradale all’altezza dello stabilimento di via Argine. La protesta rientra nelle iniziative di lotta contro la chiusura dello stabilimento prevista per sabato prossimo, 31 ottobre. Oggi i lavoratori stanno effettuando otto ore di sciopero proclamate dalle organizzazioni sindacali di categoria per sollecitare il governo ad un intervento deciso sulla multinazionale per scongiurare la cessazione delle attività produttive.

Per il prossimo 5 novembre, inoltre, a Napoli è stato proclamato uno sciopero generale di quattro ore. Coinvolti tutti i settori produttivi nell’area metropolitana, con manifestazione in Piazza Dante per la vertenza Whirlpool e a difesa dell’intero sistema produttivo e occupazionale. La mobilitazione, che vedrà esclusi i servizi essenziali, è stata proclamata da Cgil, Cisl e Uil di Napoli al termine dell’attivo unitario convocato dalle tre confederazioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Test rapidi dai medici di base, è rottura tra i sindacati: solo la Fimmg firma l’accordo. Cgil: “È operazione di facciata, sicurezza a rischio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Brusaferro: “Non mollare presa sugli asintomatici, vanno tracciati. Adattare le misure della scuola all’andamento dei contagi”

next