Saltella tra i tetti, infilza le spade in cintura con precisione millimetrica, si muove agile e furtiva come Occhi di gatto in mezzo a tunnel sinistri e bui. Eccola l’eroina protagonista del nuovo film Disney, Raya and the last dragon. Ultima fatica degli studios d’animazione che farà il suo debutto, ancora una volta Covid permettendo, nel marzo 2021. Nel teaser trailer lanciato a livello mondiale poche ore fa vediamo la giovane guerriera alle prese con la difesa della gemma del dragone in una caverna piena di insidie. Raya sembra poi agire in una scenografia desertica propria degli ultimi Star Wars che si chiama Kumandra, luogo fantastico dove un tempo esseri umani e draghi vivevano insieme fino a quando i secondi si sono sacrificati per combattere una forza malvagia che ora sembra essere tornata a minacciare gli uomini.

In compagnia di Raya intravediamo già un co-protagonista animale molto buffo. Si chiama Tuk Tuk ed è un esserino simile tra un riccio e un armadillo, capace comunque di oltrepassare reti e ostacoli grazie alla sua capacità di restringersi e farsi piccolo piccolo. Raya and the Last Dragon è diretto da Don Hall e Carlos López Estrada, e curiosamente registra come doppiatrice di Raya quella Kelly Marie Tran che ha raggiunto la notorietà per il suo ruolo nella trilogia sequel di Star Wars. Altra sorpresa: sarà l’attrice e rapper Awkwafina a prestare la voce all’ultimo drago Sisu. Sappiamo che Raya and the last dragon sarebbe dovuto uscire nelle sale a novembre 2020. E sappiamo anche che sia Onward che Soul (casa madre Disney) dovevano uscire in sala, seppur in ritardo causa coronavirus, ma poi sono finiti in streaming. Insomma, incrociamo le dita affinchè Disney non compia la tripletta antisale cinematografiche. Sarebbe poi difficile spiegargli di tornare indietro.

Video Facebook/Disney

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ombra delle spie – The Courier, Benedict Cumberbatch tra Mi6 e Cia per salvare il mondo (ed è una storia vera)

next
Articolo Successivo

Sul più bello, ecco perché il primo teen dramedy all’italiana ci è piaciuto

next