Joaquin Phoenix sarà Napoleone in un film di Ridley Scott. La notizia pubblicata da Variety è trapelata dopo che Scott ha confermato che con la sua casa di produzione inizierà a marzo 2021 le riprese di Gucci, il dramma che vedrà protagonista Lady Gaga e Robert De Niro. Le riprese di Kitbag, questo il titolo provvisorio del film, inizieranno quindi subito dopo. Phoenix che aveva già lavorato con Scott nel celebre Il Gladiatore, interpretando l’imperatore Commodo oramai 20 anni fa (interpretazione che già allora gli valse una strameritata nomination), fresco dell’Oscar per il suo Joker, da quelli che sono i rumors hollywoodiani sembra avere in post produzione soltanto C’mon C’mon e un’ipotesi annunciata ma mai confermata di un Joker 2. L’incastro con il progetto di Scott diventa così realizzabile, anche se ancora non viene confermato dallo staff dell’attore.

Napoleone, oltretutto, non è proprio un soggetto facile da portare sul grande schermo. Basti pensare che la magniloquenza del personaggio storico portò il regista Abel Gance nel 1927 ad ideare il suo Napoleon, da oltre cinque ore di durata, proiettabile su tre schermi affiancati contemporaneamente uno all’altro. Kubrick inseguì anch’esso l’ipotesi di un film sul condottiero francese appena dopo il successo di 2001 Odissea nella spazio nel 1969. Sceneggiatura fiume e minuziosissima pronta, set scelti tra Francia, Italia e Romania dopo un lunghissimo location scouting, il Napoleone di Kubrick doveva essere interpretato da Jack Nicholson. Il progetto saltò quando la MGM vide la richiesta di un budget lievitare sui 40 milioni di dollari proprio mentre nelle sale Waterloo, l’epico film diretto da Sergej Bondarcuk, prodotto da De Laurentiis con Rod Steiger nei panni dell’imperatore francese e i soldati dell’armata rossa ad interpretare i fanti inglesi che sconfiggono proprio il condottiero francese, si schiantava nell’indifferenza del pubblico classificandosi tra i flop più incredibile della storia del cinema.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Soul, la nota stonata dell’ultimo capolavoro Pixar. Disney lo programmerà solo in streaming. Ma è polemica: “Scelta inaccettabile”

next
Articolo Successivo

Steve McQueen: “Anche la pandemia ha aiutato il #BlackLivesMatter”. Il regista di Shame e Hunger premiato alla Festa di Roma

next