I tentacoli della ‘ndrangheta sul turismo di lusso in Calabria. I villaggi Napitia a Pizzo Calabro e Garden Resort Calabria a Curinga erano stati già sequestrati a luglio nell’ambito dell’inchiesta Imponimento contro le cosche Anello e Fruci di Filadelfia in provincia di Vibo Valentia. Quest’estate, nel blitz sono stati arrestati l’ex assessore regionale Francesco Antonio Stillitani e suo fratello Emanuele. Accusati di concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione e danneggiamento aggravato, i due imprenditori finiti prima in carcere e poi ai domiciliari stamattina sono stati raggiunti da un provvedimento di sequestro preventivo emesso d’urgenza dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, dall’aggiunto Vincenzo Capomolla e dal sostituto della Dda Antonio De Bernardo.

La guardia di finanza, con la collaborazione dello Scico, ha sequestrato altre due società, 16 terreni, 8 fabbricati e 5 automezzi. Complessivamente ammontano a 17 milioni di euro i beni a cui sono stati applicati i sigilli. Dopo il primo sequestro dei due villaggi turistici, convalidato dal giudice per le indagini preliminari, gli approfondimenti investigativi effettuati dal Nucleo di polizia economico-finanziaria e dal Gico hanno consentito ai pm di risalire alle due società con sede a Pizzo Calabro sequestrate oggi e riconducibili ai fratelli Stillitani: la Golfo del Sole s.r.l. e la “Garden sud s.r.l.”.

Stando all’attività dei finanzieri guidati dal colonnello Virno, in sostanza le imprese erano lo strumento attraverso il quale i villaggi turistici venivano formalmente gestiti dai due imprenditori arrestati. Con l’inchiesta “Imponimento”, la Dda è riuscita a scoprire come la famiglia mafiosa Anello, oltre allo sfruttamento boschivo e del movimento terra, puntava al settore turistico. Era quello, infatti, il core business della cosca di Filadelfia che, secondo gli inquirenti, poteva contare sull’ex assessore regionale Francesco Stillitani e su suo fratello Emanuele, accusati di aver rafforzato la sfera di influenza del clan, rendendosi parte attiva in condotte estorsive e favorendo la gestione dei servizi e delle forniture dei villaggi turistici.

Considerato “l’uomo politico di riferimento del sodalizio”, Stillitani è stato assessore regionale con le giunte di centrodestra, guidate prima da Giuseppe Chiaravalloti e poi da Giuseppe Scopelliti. Erano gli anni in cui, secondo i magistrati, la ‘ndrangheta avrebbe sostenuto l’ex assessore Stillitani. Il politico otteneva “appoggio in occasione delle competizioni elettorali che lo vedevano candidato attraverso plurimi accordi politico-mafiosi”. Per i pm era un do ut des in quanto “gli Stillitani consentivano all’organizzazione di infiltrarsi e di avere voce in capitolo negli affari relativi alla gestione di strutture turistiche, concorrendo nelle condotte estorsive, favorendo l’affidamento di opere, forniture e servizi ad imprese contigue alla cosca, garantendo l’assunzione di sodali o di soggetti comunque indicati” dalla cosca a cui riconoscevano “un contributo in denaro in ragione delle attività imprenditoriali oggetto di tutela mafiosa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, i commercianti denunciano: 20 arresti per racket a Palermo. Il boss al neomelodico: “Fatti il tatuaggio con Falcone e Borsellino”

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, processo Sansone: in appello 36 condanne e 10 assoluzioni a Reggio Calabria

next