“In questo momento gli scioperi sono deleteri per il Paese, la frattura non aiuta nessuno. Invito le categorie a sedersi a un tavolo e trovare una soluzione”. Lo ha detto il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, in conferenza stampa al termine dell’Assemblea generale di Assolombarda all’Hangar di Linate, a proposito del rinnovo dei contratti. “La premessa – ha spiegato – è che i contratti li firmano le associazioni di categoria e i sindacati. Vulgata comune è che Bonomi non voglia firmare i contratti, ma non li firmo io. Io mi ero preso un impegno personale, quello di portare a termine il rinnovo del contratto della sanità privata e a fine settembre è stato raggiunto”.

“Credo che la strada – ha proseguito – sia quella di sedersi a un tavolo e parlarsi. Non è il momento per l’Italia di fare sciopero. I contratti vanno rinnovati, i soldi in tasca ai lavoratori vanno messi ma in maniera sostenibile e intelligente. È ovvio che gli aumenti non possono avvenire sulla variabile indipendente del salario, ma devono essere legati al trattamento economico complessivo”. Se “poi al sindacato welfare, formazione ecc. non interessano lo dica, non è un problema. Dica che gli accordi firmati anni fa non vanno più bene e si ragiona”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morti sul lavoro, Mattarella: “Ferita sociale che lacera il Paese. Dalla pandemia ripercussioni drammatiche sulla salute dei lavoratori. Un terzo degli infortuni mortali tra i sanitari”

next
Articolo Successivo

Scuola, ecco le modalità di individuazione e tutela dei lavoratori ‘fragili’

next