Torna il maltempo in Italia dopo una breve tregua dovuta alla pausa anticiclonica. Da domani 9 ottobre sono previste pioggia e neve, questa volta anche sotto i mille metri di quota. “Sarà una settimana particolarmente movimentata sull’Italia, con frequenti episodi di maltempo”, ha detto il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara. Una nuova perturbazione è in arrivo dal Nord Europa e il fronte freddo si affaccerà sulle regioni Settentrionali nel corso di domani. “Arriveranno le prime piogge al Nord e sulla Toscana, ma sarà domenica che il maltempo tornerà a interessare soprattutto il Nordest e le regioni del Centro con rovesci e temporali diffusi, localmente anche di forte intensità – conferma Ferrara – più ai margini il Nordovest, con precipitazioni più probabili tra Liguria, basso Piemonte e sulla Lombardia sud-orientale, mentre alto Piemonte e Valle d’Aosta dovrebbero vedersi anche delle belle aperture”.

Per quanto riguarda le temperature invece avremo un primo semi-assaggio del freddo invernale, anche perché in diverse zone di pianura si potranno sfiorare gli zero gradi o addirittura andare sottozero (in particolare nelle zone di sbocco vallivo o nelle conche in cui ci sarà la possibilità che il freddo ristagni nei bassi strati). Le temperature, infatti, saranno in netto calo. La neve potrà cadere anche sotto i 1000 metri, in particolare sulle zone delle Alpi Orientali. Nevicherà anche sull’Appennino. “In attesa il Sud con sole prevalente, salvo qualche rovescio o temporale anche forte in Campania, più occasionalmente su Molise e Sicilia. I venti saranno in netto rinforzo, di bora sull’alto Adriatico, Tramontana sulla Liguria, Maestrale sulla Sardegna, di Ponente, Libeccio e Scirocco altrove con raffiche anche di oltre 50-60km/h e mari nuovamente molto mossi o agitati” spiega Ferrara.

Lunedì 12 il maltempo si porterà al Sud con rischio violenti temporali e nubifragi; instabile anche al Centro mentre al Nord si potrebbe avere una pausa, comunque del tutto effimera. Entro mercoledì 14 infatti una seconda ondata di maltempo potrebbe nuovamente coinvolgere tutto il Centronord con precipitazioni diffuse. Il tutto accompagnato da venti forti ora di Tramontana e Maestrale, ora di Libeccio e Scirocco, non solo sui mari ma anche sull’entroterra, con mareggiate e difficoltà nei collegamenti con le Isole Minori. E in prospettiva della prossima stagione, i modelli previsionali inglesi di ECMWF propendono per un inverno leggermente sopra la media termica per il Mediterraneo, idem per il Ncep. Mentre per il modello stagionale IRI invece, la temperatura sarà nella media.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il dilemma delle scuole di Taranto: aprire le finestre e limitare il contagio o chiuderle per evitare le polveri dell’Ilva?

next
Articolo Successivo

Il caso Becciu ha una doppia lettura. E una di queste è sul futuro della Chiesa cattolica

next