Troppi contagi nelle ultime settimane e scuole ancora non pronte a riaccogliere gli studenti per mancanza di personale, aule e banchi monoposto. A Castellammare di Stabia in provincia di Napoli la campanella suonerà il primo ottobre. Lo ha deciso il Sindaco Gaetano Cimmino che nelle scorse ore ha firmato l’ordinanza. “Ho preso questa decisione insieme con i dirigenti scolastici – spiega il primo cittadino – qui ci sono scuole che aspettano ancora il personale necessario a garantire lo svolgimento dell’anno scolastico, di banchi con le rotelle ne sono arrivati pochi e non sufficienti e come se non bastasse abbiamo registrato un aumento di contagi nelle scorse settimane. Per questi motivi ho deciso di rinviare al primo ottobre l’apertura delle scuole, anche perché così ci sarà più tempo per fare una pulizia approfondita delle aule dopo la tornata elettorale”.

Tanti i dubbi sulla ripartenza, ma non solo a Castellammare. Almeno altri 4 comuni in Campania (Angri, Cava de’ Tirreni, Sant’Antonio Abate e Caselle in Pittari) hanno già deciso di posticipare l’inizio dell’anno scolastico al 28 settembre, cioè quattro giorni dopo la data ufficiale (il 24 settembre) decisa dal Presidente della Regione Vincenzo De Luca. “Ma sono convinto – conclude il sindaco Cimmino – che ci saranno altri sindaci che posticiperanno l’apertura”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, Prodi ai media: “Nel 90% dei casi è stato tutto normale, perché dare attenzione solo all’1% dove ci sono stati problemi?”

next
Articolo Successivo

Bimbo fa il tampone e viene mandato all’asilo prima dell’esito. Poi risulta positivo: classe e insegnanti in isolamento in Brianza

next