Non dà giudizi “nel merito delle valutazioni dei magistrati”, ma “la vicenda è tragica” e “sicuramente il Parlamento che già sta discutendo progetti e prospettive oggi ha un elemento di responsabilità e di riflessione in più. È evidente che dobbiamo fare qualcosa”. Così il ministro della giustizia Alfonso Bonafede rispondendo in merito alla mancanza dell’aggravante di omotransfobia nel caso della morte della giovane di Caivano. “Io rispetto quella che sarà la decisione del Parlamento – ha detto – ma sicuramente sarà importante intervenire“. “Certamente va detto che la gravità della vicenda impone a tutte le forze politiche e a tutto il parlamento una riflessione sulla necessità di intervenire anche con una certa urgenza”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, la crisi della sinistra non si può ridurre ai singoli: ha ragioni profonde

next
Articolo Successivo

Il messaggio di Speranza a Salvini: “Non si può fare campagna elettorale sulle scuole”

next