Non dà giudizi “nel merito delle valutazioni dei magistrati”, ma “la vicenda è tragica” e “sicuramente il Parlamento che già sta discutendo progetti e prospettive oggi ha un elemento di responsabilità e di riflessione in più. È evidente che dobbiamo fare qualcosa”. Così il ministro della giustizia Alfonso Bonafede rispondendo in merito alla mancanza dell’aggravante di omotransfobia nel caso della morte della giovane di Caivano. “Io rispetto quella che sarà la decisione del Parlamento – ha detto – ma sicuramente sarà importante intervenire“. “Certamente va detto che la gravità della vicenda impone a tutte le forze politiche e a tutto il parlamento una riflessione sulla necessità di intervenire anche con una certa urgenza”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, la crisi della sinistra non si può ridurre ai singoli: ha ragioni profonde

next
Articolo Successivo

Il messaggio di Speranza a Salvini: “Non si può fare campagna elettorale sulle scuole”

next