Il terzo polo europeo dei compressori – motori – per frigoriferi domestici e commerciali. E’ il nuovo sogno dei lavoratori dell’ex Embraco, reduci dalla beffa di Ventures Srl che negli ultimi due anni invece di investire ha prosciugato le casse aziendali e non ha fatto lavorare nessuno dei 400 operai del sito di Riva di Chieri, ora in cassa integrazione. Il progetto è stato presentato in prefettura a Torino dalla sottosegretaria allo Sviluppo economico, Alessandra Todde. I tempi però sono lunghi – si parla di ripresa della produzione nel 2022 – e ci sono molte incognite nel futuro della Italcomp, la nuova società che nascerà dalla fusione tra la ex controllata di Whirlpool con sede a Riva di Chieri e la Acc di Mel, in provincia di Belluno.

La più pressante riguarda gli investitori che dovrebbero concretizzare il piano: la società pubblica Invitalia, chiamata in causa anche stavolta, intende entrare con una quota di minoranza ed è ancora alla ricerca di “un gruppo di investitori privati che possano garantire la resilienza della filiera”, come ha spiegato la Todde. Aggiungendo che “se Piemonte e Veneto con i loro strumenti hanno la possibilità di entrare noi siamo ben felici di farli partecipare”. L’investimento complessivo dovrebbe essere di 50 milioni di euro tra pubblico e privato.

I sindacati hanno accolto con favore la novità. “La regia pubblica e privata per la risoluzione delle vertenze deve diventare un modello da utilizzare anche per altre crisi industriali”, commenta la Fiom. “L’ingresso dello Stato a garanzia dei livelli occupazionali deve diventare un metodo per attuare processi di reindustrializzazione efficaci”. Fiom e Uilm chiedono però un tavolo di confronto nazionale che comprenda le regioni coinvolte e garantisca i livelli occupazionali per tutti i lavoratori di Riva di Chieri e di Belluno.

Sulla carta, il progetto punta a creare il terzo polo sul mercato europeo con 6 milioni di compressori prodotti e a regime – nel 2024 – la piena occupazione. Il sito di Riva di Chieri avrà il ruolo di centro di eccellenza per la produzione di motori e il sito di Mel sarà dedicato all’assemblaggio dei compressori. L’amministrazione, la progettazione, il commerciale e le tecnologie saranno centralizzati a Mel.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, in agosto i nuclei beneficiari salgono a 1,16 milioni: su del 25%

next
Articolo Successivo

Coronavirus, le storie degli operatori della sanità privata in sciopero: “Siamo eroi senza contratto, lo aspettiamo da 14 anni”

next