“Aiutiamo la famiglia di Willy Monteiro”: si chiama così la raccolta fondi lanciata su GoFundMe da Giulia, Linda, Paola e tanti altri che hanno conosciuto Willy a scuola o a Paliano.

Willy è stato ucciso a calci e pugni a Colleferro, “ciò che è accaduto ha scosso tutti noi e l’Italia intera – scrivono gli organizzatori della campagna – Abbiamo deciso di fare qualcosa in questa difficile e delicata situazione”.

È nata così la raccolta fondi per aiutare e sostenere la famiglia Monteiro ad “ottenere giustizia in ogni sede”. “Noi vogliamo fare qualcosa, adesso, e vi invitiamo a donare per fare giustizia” spiegano sulla piattaforma di raccolta fondi.

“I fondi raccolti – si legge nell’appello online – potranno essere prelevati solo e soltanto dalla famiglia di Willy. Come GoFundMe prevede sono garantiti al 100%: o andranno ai familiari di Willy o saranno restituiti ai donatori”. GoFundMe infatti mantiene il controllo totale di tutti i fondi fino a che il beneficiario sia stato validato. In questo caso, l’avvio dei fondi verso le opportune sedi bancarie viene messo in pausa fino a quando la famiglia Monteiro si sentirà in grado di valutare se vuole accettare o meno l’aiuto messo in moto dagli amici del figlio con lo scopo di un supporto legale e morale.

Per chi si sentisse vicino alla causa e volesse mostrare solidarietà alla famiglia del ragazzo, la campagna è raggiungibile a questo link.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sessuale in villa a Matera, ecco le immagini delle telecamere che hanno incastrato i 4 giovani arrestati

next
Articolo Successivo

Sardegna, la giunta sospende il finanziamento da 6 milioni “sulla fiducia” a una società scoperti dal Fatto.it: “Troppe polemiche”

next