“Aiutiamo la famiglia di Willy Monteiro”: si chiama così la raccolta fondi lanciata su GoFundMe da Giulia, Linda, Paola e tanti altri che hanno conosciuto Willy a scuola o a Paliano.

Willy è stato ucciso a calci e pugni a Colleferro, “ciò che è accaduto ha scosso tutti noi e l’Italia intera – scrivono gli organizzatori della campagna – Abbiamo deciso di fare qualcosa in questa difficile e delicata situazione”.

È nata così la raccolta fondi per aiutare e sostenere la famiglia Monteiro ad “ottenere giustizia in ogni sede”. “Noi vogliamo fare qualcosa, adesso, e vi invitiamo a donare per fare giustizia” spiegano sulla piattaforma di raccolta fondi.

“I fondi raccolti – si legge nell’appello online – potranno essere prelevati solo e soltanto dalla famiglia di Willy. Come GoFundMe prevede sono garantiti al 100%: o andranno ai familiari di Willy o saranno restituiti ai donatori”. GoFundMe infatti mantiene il controllo totale di tutti i fondi fino a che il beneficiario sia stato validato. In questo caso, l’avvio dei fondi verso le opportune sedi bancarie viene messo in pausa fino a quando la famiglia Monteiro si sentirà in grado di valutare se vuole accettare o meno l’aiuto messo in moto dagli amici del figlio con lo scopo di un supporto legale e morale.

Per chi si sentisse vicino alla causa e volesse mostrare solidarietà alla famiglia del ragazzo, la campagna è raggiungibile a questo link.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sessuale in villa a Matera, ecco le immagini delle telecamere che hanno incastrato i 4 giovani arrestati

next
Articolo Successivo

Sardegna, la giunta sospende il finanziamento da 6 milioni “sulla fiducia” a una società scoperti dal Fatto.it: “Troppe polemiche”

next