Saranno le prime a riaprire le scuole di Bolzano, che in questi giorni si stanno preparando ad accogliere di nuovo gli studenti. La prima campanella suonerà il 7 settemebre , sette giorni prima delle altre regioni. “Siamo pronti a ripartire in presenza, ovviamente con delle misure di sicurezza e anche un aiuto psicologico. Siamo i primi in Italia a riaprire le scuole e faremo da apripista” racconta il direttore del Liceo Classico e Linguistico Giosuè Carducci di Bolzano. Una prova generale per il resto d’Italia dopo l’improvviso stop alle lezioni nel mese di marzo. Nuove disposizioni e un notevole sforzo per sensibilizzare alla responsabilità individuale sia gli studenti, sia i genitori. Un piano provinciale per gestire anche un nuovo eventuale lockdown

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, ci voleva il Covid!

next
Articolo Successivo

Crisanti: “La temperatura va presa a scuola, abbassare a 37,1 la soglia per entrare in aula”

next