Saranno le prime a riaprire le scuole di Bolzano, che in questi giorni si stanno preparando ad accogliere di nuovo gli studenti. La prima campanella suonerà il 7 settemebre , sette giorni prima delle altre regioni. “Siamo pronti a ripartire in presenza, ovviamente con delle misure di sicurezza e anche un aiuto psicologico. Siamo i primi in Italia a riaprire le scuole e faremo da apripista” racconta il direttore del Liceo Classico e Linguistico Giosuè Carducci di Bolzano. Una prova generale per il resto d’Italia dopo l’improvviso stop alle lezioni nel mese di marzo. Nuove disposizioni e un notevole sforzo per sensibilizzare alla responsabilità individuale sia gli studenti, sia i genitori. Un piano provinciale per gestire anche un nuovo eventuale lockdown

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, ci voleva il Covid!

next
Articolo Successivo

Crisanti: “La temperatura va presa a scuola, abbassare a 37,1 la soglia per entrare in aula”

next