Bastano le prime note del brano di Vangelis – poi premio Oscar alla miglior colonna sonora – per ricordarsi della corsa sulla spiaggia più famosa della storia del cinema, quella di Momenti di Gloria. Ben Cross, l’attore che interpretò l’atleta Harold Abrahams, è morto nella sua abitazione a Vienna: aveva 72 anni. Aveva finito da poco di girare The Devil’s Light, film della Lionsgate in cui interpreta il ruolo del Cardinale Matthews. A darne la notizia della morte la figlia Lauren, “profondamente addolorata” per la comparsa del “caro padre”, aggiungendo che era stato “malato per un po’“, ma aveva avuto un “rapido declino nell’ultima settimana”.

Harry Bernard Cross era nato a Londra nel 1947 da una famiglia cattolica della classe operaia. Dopo il diploma alla Royal Academy of Dramatic Arts, è passato dal palcoscenico al grande schermo accettando un ruolo minore nel film di guerra del 1977, Quell’ultimo ponte, con Sean Connery e Michael Caine. È diventato membro della Royal Shakespeare Company nello stesso anno, ma il successo arriva nei panni di Billy Flynn, l’avvocato dell’assassina Roxie Hart, nel musical Chicago del 1978.

Una performance che ha aperto le porte alla sua partecipazione in Momenti di gloria del 1981, pellicola che ha vinto quattro Oscar, incluso quello come miglior film. Negli anni Novanta partecipa ai grandi blockbuster: Il primo cavaliere (1995) in cui interpreta il malvagio Malagant, poi nel film di Star Trek del 2009, firmato J.J. Abrams, in cui interpreta Sarek, il diplomatico della Federazione dei Pianeti Uniti. L’ultima apparizione sul grande schermo è del 2018, nel film Hurricane – Allerta uragano di Rob Cohen.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mezzogiorno E Mezzo Di Fuoco come Via Col Vento: la Hbo aggiunge una spiegazione all’inizio del film per via del “linguaggio razzista”

next
Articolo Successivo

Mostra del Cinema di Venezia 2020, la cerimonia di apertura sarà proiettata in tutte le sale italiane

next