Sì alla modifica del limite dei due mandati e sì alle alleanze locali con i partiti tradizionali. Gli iscritti del Movimento 5 stelle hanno dato il via libera, rispettivamente con l’80 e il 60 per cento dei voti a favore, alle modifica di due principi fondativi del M5s. Si tratta di una decisione storica per i 5 stelle e che, nel concreto, avrà come primo effetto quello di consentire alla sindaca di Roma Virginia Raggi di ricandidarsi: la prima cittadina risulta infatti al terzo mandato, ma la modifica permette di annullare il conteggio della sua prima esperienza in Campidoglio. E non solo: il via libera al dialogo con altre liste di partiti a livello locale, in vista delle prossime amministrative, permetterà di lavorare sui territori a nuovi progetti in linea soprattutto con la coalizione che sostiene il governo Conte 2. Quest’ultimo punto è passato con un margine di scarsi 10mila voti, segno che il tema rimane molto delicato per i 5 stelle: gli accordi con le liste di altri partiti sono un tabù che finora era apparso insormontabile. Anche per questo ora sono tante le trattative a livello locale che possono riaprirsi, con un occhio particolare alle prossime Regionali (che però non erano contemplate dal voto).

Il risultato – Nello specifico il quesito sulla modifica del mandato zero ha ottenuto 39.235 voti pari all’80,1 % dei votanti. I No hanno ricevuto 9.740 voti, pari al 19,9 % del totale dei voti. Il quesito invece sulla possibilità di alleanze per le elezioni amministrative, oltre che con liste civiche, anche con i partiti tradizionali ha ricevuto 29.196 voti favorevoli, pari al 59,9% dei votanti sulla piattaforma Rousseau. I No sono stati 19.514, il 40,1% del totale. Sulle alleanze la differenza tra il sì e il no è stata di circa 9mila voti.

Di Maio: “Inizia una nuova era”. Zingaretti: “Fatto molto positivo” – Un passaggio importante per i 5 stelle che è stato accolto con favore sia tra i leader M5s che sul fronte Pd. “Un grande in bocca al lupo a Virginia Raggi per la sua ricandidatura”, ha scritto l’ex capo politico Luigi Di Maio su Facebook, “e buona fortuna a tutti i candidati sindaco che saranno a capo di coalizioni politiche nei Comuni dove correremo per le elezioni del 20 settembre. Da oggi inizia una nuova era per il MoVimento 5 Stelle nella partecipazione alle elezioni amministrative. Includere e aggregare saranno le vie da percorrere, rispettando e difendendo sempre i nostri valori”. Come dice Di Maio, è davvero “una nuova era” per i 5 stelle. E poco dopo, non a caso, ha parlato il segretario Pd Nicola Zingaretti: “Siamo un’alleanza tra forze diverse che rimangono diverse, ma per governare bisogna essere alleati, non si può essere avversari: quindi che si riesca a fare insieme un percorso comune è un fatto molto positivo”. Segnali che arrivano a un anno dalla nascita dell’intesa che ha portato al sostegno del Conte 2 e che testimoniano un clima cooperativo tra le forze di governo.

Tensioni nel M5s, Casaleggio: “Il vero organo decisionale del Movimento sono gli iscritti” – Se tensioni ci sono, quelle sono piuttosto all’interno del Movimento 5 stelle. La consultazione è stata affrontata non senza perplessità. Innanzitutto ha preoccupato molto l’affluenza: l’aver effettuato il voto tra il 13 e 14 agosto ha scatenato molte critiche, soprattutto tra chi temeva che in molti non partecipassero. A schierarsi per il sì sono stati nelle scorse ore sia Di Maio che il presidente della Camera Roberto Fico. I loro messaggi sono serviti anche per spingere l’affluenza ed evitare il fallimento della consultazione. Alla fine sono stati 48.975 gli elettori che hanno risposto (su un totale di almeno 100mila iscritti) che hanno espresso complessivamente 97.685 preferenze. Chi ha mosso dubbi sull’opportunità di chiamare gli iscritti alle urne in pieno agosto è stato, nelle scorse ore, il viceministro Stefano Buffagni che ha citato una frase storica di Gianroberto Casaleggio: “Ogni volta che deroghi a una regola la cancelli”. Buffagni però, dei tanti malpancisti di queste ore, è stato l’unico ad aver deciso di esporsi. Sull’altro fronte chi ha deciso di difendere il voto online è stato Davide Casaleggio, presidente dell’associazione Rousseau: “Sono contento della grande partecipazione degli iscritti a questo voto. Il Movimento in questi anni ha sempre dimostrato che le decisioni si prendono tutti assieme. Il vero organo collegiale decisionale del Movimento sono sempre stati gli iscritti ed è sempre stata la grande differenza dalle altre forze politiche”.

La sindaca Raggi: “Mi candida a testa alta” – Poco dopo l’annuncio del risultato, la sindaca Raggi ha confermato su Facebook che si ricandiderà alla guida del Campidoglio, come già aveva anticipato nei giorni scorsi: “Mi ricandido. Ora avanti a testa alta”, si legge. “Grazie a tutti per il sostegno e l’incoraggiamento che non avete mai fatto mancare. Parlo al plurale perché noi siamo una squadra: uniti vinceremo le sfide che ci attendono. E’ un compito complesso. Sappiamo che richiede sacrificio, tempo, costanza e umiltà, ma noi abbiamo sempre trovato la forza di rialzarci perché crediamo in un progetto. E sappiamo che siamo “scomodi” a tanti”. E ha concluso: “Completiamo il percorso che abbiamo iniziato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il caso del bonus ai politici mi fa venire voglia di scrivere al caro Enrico

next
Articolo Successivo

Bonus ai politici, Tridico in commissione: “Notizia non l’ha data l’Istituto. Noi garantiamo la privacy, beneficiari si sono autodenunciati”

next