C’è chi è pronto a giurare che “non ne sapeva niente”. Chi, quando lo ha scoperto, se l’è presa con il commercialista: “Gli ho detto ‘per carità non farlo mai più’“. E chi sostiene di aver già rimediato: “Ho dato tutto in beneficenza“. Mentre in Parlamento è ancora aperta la caccia ai tre deputati che hanno chiesto e ottenuto il bonus da 600 euro per le partite Iva in difficoltà (due leghisti e uno del M5s), lo scandalo si diffonde nei consigli regionali: sono 6 i consiglieri che si sono auto-denunciati in Piemonte e Veneto, di cui 5 del Carroccio e uno del Partito democratico. E le giustificazioni di chi confessa non mancano di creatività: così se alcuni politici si appellano al famoso “è successo a mia insaputa“, gli altri tirano in ballo non precisati motivi umanitari. Al momento, il Carroccio è il partito che conta più esponenti coinvolti, ma l’elenco è in continuo aggiornamento. Tra chi è finito sotto accusa in queste ore (in generale si parla di 2mila amministratori locali e di un presidente di Regione), ci sono anche i due consiglieri regionali della Lega in Veneto Riccardo Barbisan e Alessandro Montagnoli e il vice presidente della giunta Gianluca Forcolin. Contro la loro condotta si è schierato lo stesso presidente Luca Zaia e ora rischiano almeno la sospensione. L’altro fronte è quello del Piemonte: sono due i consiglieri leghisti che hanno confessato di aver ricevuto il bonus (Claudio Leone e Matteo Gagliasso), insieme al primo esponente Pd. Il dem è Diego Sarno, che su Facebook ha garantito di aver commesso “un errore”. Più ampio il fronte degli eletti nei consigli comunali, dove oggi spicca la confessione a Firenze del coordinatore del centrodestra in quota Lega Ubaldo Bocci (super manager) che ha usato anche lui la carta della beneficenza: “Ho chiesto il bonus anche se non ne avevo bisogno”, ha sentenziato. Voleva dimostrare, ha detto, che i soldi dovevano “andare ad altri” e intanto sono andati a lui. “Eh no! Se fai beneficienza la farai con risorse tue, non con il bonus ricevuto da risorse messe a disposizione dallo Stato. Quando la toppa è peggiore del buco”, twitta il governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini (Firma la petizione del Fatto Quotidiano perché l’Inps renda pubblici i nomi).

Veneto, i tre esponenti della maggioranza leghista che hanno chiesto il bonus – Il caso del Veneto è uno di quelli che più sta facendo discutere. Zaia è stato uno degli esponenti del Carroccio che, nelle scorse ore, ha usato le parole più dure ricordando che “i cittadini devono sapere” e rivolgendosi ai colleghi in Parlamento. Ma il presidente i problemi ce li ha in casa. Il suo vice presidente die giunta Forcolin è infatti tra chi ha ammesso di essere nella lista dei richiedenti, ma senza che però il bonus gli sia mai arrivato. “Sono socio in uno studio di tributaristi”, ha detto in un’intervista al Corriere della sera. “Quando è esplosa la questione del bonus, in queste ore, ho verificato con la mia socia che, senza che lo sapessi, ha presentato domanda per tutti dove possibile. Avevamo sette dipendenti in cassa integrazione. Il dato di fatto, però, è che io non ho visto un centesimo”. Ma questo perché, “la domanda non è stata accettata. Non è arrivato mai nulla. La richiesta rispondeva a ogni criterio di legittimità e quei 600 euro, fossero arrivati, sarebbero rimasti nelle casse dello studio”.

Lo ha chiesto invece e ottenuto, ma rigorosamente, dice, “a sua insaputa” il consigliere Barbisan. La conferma l’ha data lui stesso in un’intervista alla tv locale Antenna 3 e ha fornito i documenti che provano la donazioni in beneficenza della somma. Anche Barbisan si è giustificato dicendo che la responsabilità è del suo commercialista che avrebbe agito senza prima consultarlo: “Quando l’ho visto gli ho detto ‘per carità di Dio non farlo mai più'”, ha dichiarato.

Il collega Montagnoli ha invece ammesso di essere tra i “colpevoli” in un post su Facebook e ha rivendicato la scelta di usare quei soldi per aiutare la protezione civile. Insomma il consigliere avrebbe consapevolmente chiesto quei fondi per poi destinarli a chi, secondo lui, era più meritorio e bisognoso in quel momento: “Ci sono momenti”, ha scritto nella sua confessione su Facebook, “nella vita in cui puoi fare finta di nulla o scegli di dire semplicemente come stanno le cose. Ho deciso di affrontare questa situazione a testa alta“. Ovvero: “Quando è uscito il decreto Cura Italia, che riguardava tutti i lavoratori autonomi, ho deciso con mia moglie di richiedere il bonus con l’intento fin da subito di devolverli per l’emergenza covid e a chi lavora nella protezione civile. Ho sbagliato: con il senno di poi ho fatto una leggerezza, ma in buona fede”.
Piemonte, due leghisti e il primo caso tra i dem: è il consigliere regionale Sarno – Il primo esponente dei democratici ad ammettere di aver ricevuto il bonus è stato il consigliere regionale del Piemonte Diego Sarno. In Piemonte, già altri due consiglieri regionali leghisti (Claudio Leone e Matteo Gagliasso) avevano confessato di aver avuto l’aiuto per le partite Iva e di aver restituito la somma. La richiesta di Sarno, ha scritto su Facebook, è partita a suo nome per un “errore” cui ha rimediato, non appena ha “visto la somma accreditata sul conto corrente”, versando il denaro in beneficienza per l’emergenza Covid. Quindi ha ricostruito la sua vicenda: “La mia compagna fa questo di lavoro e da sempre gestisce la contabilità riguardante la mia attività professionale. Durante il lockdown, per provare diverse procedure ha usato la sua partita Iva e anche la mia (avendone due tipologie diverse) così da essere pronta per assolvere senza errori e con una maggiore velocità le molte procedure gestite per i clienti dello studio nel quale lavora. Quando è uscito il bonus per gli autonomi, come sempre ha usato la mia partita iva per provare la procedura e nella contemporaneità di quelle degli altri clienti ha concluso anche la mia per errore”. “Quando me lo ha detto ho lasciato correre dando per scontato che il bonus non mi sarebbe stato concesso vista la mia situazione reddituale”, ma questo è stato “un errore di sottovalutazione”. Ma ha poi scoperto di aver ricevuto la somma: “Quando ho visto l’accredito sul mio conto corrente ho cercato una soluzione e non sapendo di poter restituire la somma direttamente ad INPS, ho effettuato un bonifico pari all’importo ricevuto delle due tranche da 600 euro come beneficenza per l’emergenza covid. Non ho sentito l’esigenza di raccontarlo prima, ma oggi vista l’onda mediatica e avendo un ruolo pubblico sento il bisogno di raccontarlo per trasparenza e onestà intellettuale. Per concludere mi scuso per la sottovalutazione e la non attenzione in quel periodo difficile per tutti ma spero di aver con efficacia raccontato come sono andate le cose”. Sarno ha anche spiegato di avere un’attività legata al mondo della comunicazione “che è la mia principale occupazione che una volta terminata l’esperienza politica continuerà a sostenere me e la mia famiglia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardegna, il governo impugna la legge di Solinas che voleva esautorare l’esecutivo dalla pianificazione urbanistica: “Incostituzionale”

next
Articolo Successivo

Bonus 600 euro, dico sì alla richiesta di Crimi. Ma basta gogne mediatiche contro le istituzioni

next