Un tentativo per limitare i danni, perché la sovraesposizione di Donald Trump potrebbe farne a tutto il partito. O al contrario, per bloccare la sua ultima chance di rilancio per la rielezione, già fortemente compromessa da sondaggi in picchiata, tonfi economici da record e malagestione della crisi Covid-19, che sta ancora travolgendo il Paese. Sta di fatto che la decisione di vietare a stampa, tv e giornali la Convention repubblicana che si terrà a Charlotte, Nord Carolina, dal 24 al 27 agosto rappresenta un inedito nella storia americana. Per l’associazione dei corrispondenti della Casa Bianca è “una decisione sconsiderata” quella di estromettere l’informazione da uno degli eventi mediatici più seguiti, ma la mossa rischia di tarpare le ali soprattutto al presidente: quello che doveva essere lo show mediatico per rilanciare le sue chance di rielezione, infatti, è ormai ridotto a un semplice passaggio burocratico, dove un pugno di delegati – solo 336 su 2.500 – discuterà e voterà per tutti gli altri rigorosamente a porte chiuse.

La decisione senza precedenti di tenere fuori giornali, tv, radio è stata annunciata da un portavoce del comitato organizzatore della convention, e motivata ufficialmente con le restrizioni imposte dalle autorità locali alle prese con la lotta al coronavirus. Si vuole evitare insomma che l’afflusso in città di migliaia di persone comporti il rischio di una ulteriore impennata dei contagi. Così Donald Trump, che aveva già dovuto rinunciare all’oceanico bagno di folla sognato per mesi e constatato il fallimento del comizio di Tulsa, ora non potrà avere nemmeno quella straordinaria copertura mediatica su cui sperava per avere una spinta decisiva nei sondaggi, quelli che a tre mesi dal voto lo vedono sempre più dietro al rivale Joe Biden, sia a livello nazionale sia nella decina di stati chiave come la Florida o il Texas: guarda caso i due più colpiti dal virus insieme alla California.

Come se non bastasse, non è detto che il tycoon accetti la nomination presidenziale con un discorso pubblico, magari trasmesso via streaming: negli ambienti della sua campagna e del partito si ipotizza anche una presenza di Trump a Charlotte solo per ringraziare privatamente i delegati. Altro che il mega comizio che era stato messo in cantiere dalla Casa Bianca a Jacksonville, in Florida, poi cancellato perché proprio nell’epicentro della pandemia.

Il virus, dunque, non guarda in faccia a niente e a nessuno, e continua a stravolgere una campagna elettorale in cui molte delle prassi e delle regole sono ormai saltate. Anche se alcuni osservatori, dietro all’inusuale decisione di tenere i media alla larga della convention del Grand Old Party, vedono dell’altro: un tentativo dell’establishment repubblicano, sempre meno allineato con la linea erratica del tycoon, di limitare i danni per il partito, con una sovraesposizione del presidente che potrebbe risultare nociva. Perché il 3 novembre si voterà non solo per la Casa Bianca ma anche per il Congresso, e il timore è che Trump trascini con sé i candidati conservatori facendo perdere al partito anche il Senato. Del resto non sarebbe un caso che un esponente repubblicano del calibro di Mitch McConnell, leader dei senatori, abbia dato indicazioni ai candidati del partito di distanziarsi dalla linea del presidente se percepiscono che questa li danneggi.

Intanto un piccolo giallo aleggia sul presidente, per ora alimentato solo sui social. Un grosso livido viola sul dorso della mano (foto sopra) ha infatti scatenato sul web una ridda di illazioni sulla salute dell’inquilino della Casa Bianca. La foto messa in rete ieri dall’agenzia Associated Press mostra il tycoon con in mano una voluminosa mazzetta di giornali. Il livido, è stato fatto notare su vari siti internet, è in corrispondenza del punto in cui viene collocata una flebo durante le visite in ospedale. Anche se non si ha notizia che Trump sia tornato al Walter Reed, l’ospedale dei presidenti, nelle ultime 24-48 ore, come aveva fatto a sorpresa due volte negli scorsi mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Successivo

Coronavirus, il piccolo Anthony vuole proteggere il suo cagnolino dal contagio: il gesto arriva fino al presidente dell’Ecuador – Video

next