“Difficile dare una percentuale, dipenderà dall’approccio. Se è un approccio costruttivo che non perde la dimensione politica della decisione che assumeremo, ce la faremo sicuramente. Se invece qualcuno dovesse perdere questa dimensione politica, dovesse metterla giù come una partita contabile immiserendola completamente allora sì avremo bisogno ancora di lavorare”. Lo ha detto ieri sera il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Bruxelles in vista del Consiglio europeo del 17 e 18 luglio sul piano Next Generation Eu e sul Recovery Fund.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio: “Ho visto Draghi per miglior risultato a Bruxelles. Io lavoro per rafforzare governo. Conte? L’ho proposto io e ne sono orgoglioso”

next
Articolo Successivo

Recovery fund, Conte: “Consapevole delle divergenze, ma dobbiamo superarle nell’interesse di tutti cittadini Ue”

next