“Non ci basta una mezza verità, non vogliamo un altro mistero di Stato”. È questo l’appello del presidente del Comitato Noi Denunceremo, che oggi ha inviato una lettera ai vertici dell’Unione Europea per chiedere di vigilare sulle indagini in corso sulla gestione lombarda dell’emergenza Covid. Una richiesta che si aggiunge alle cento denunce presentate oggi dai familiari delle vittime del Covid-19 alla procura di Bergamo, nel secondo Denuncia day (il primo era stato il 10 giugno). Sono arrivati da tutta Italia. Non solo dalla Lombardia, ma anche dal Piemonte, dall’Emilia Romagna o dal Lazio, come il signor Carlo che ha perso la madre e il padre entrambi per infezione da coronavirus. Depositare la denuncia a Bergamo, hanno spiegato, ha un significato particolare per i familiari: “Tutti i nostri esposti partono dalla mancata chiusura di Nembro e Alzano – conclude Fusco – che ha creato un problema non solo alla Lombardia, ma a tutta l’Italia

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calo demografico, Istat: “Nascite al minimo storico dall’unità d’Italia. Meno arrivi degli stranieri (-8,6%) e più emigrazione (8,1%)”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il racconto di un commerciante positivo: “A Roma ho incontrato centinaia di persone per lavoro, sono preoccupato”

next