“Il giovane è giunto presso il Policlinico Tor Vergata in tarda mattinata” e, dopo gli esami relativi a quanto riferito, “ha rifiutato la proposta di ricovero e alle 22.04 ha firmato la sua uscita contro il parere dei sanitari”. Questa è la risposta del policlinico Tor Vergata in merito alla vicenda del paziente morto dopo aver bevuto una bibita ghiacciata.

La vicenda è quella di un 28enne che si era recato al Pronto Soccorso dopo aver lamentato, per due giorni, forti dolori addominali a seguito dell’assunzione di una bibita ghiacciata dopo una giornata di lavoro passata al cantiere con il padre. Arrivato nella tarda mattinata è stato ricoverato su un’ambulanza dotata di tutta la strumentazione necessaria al caso, rimanendo per tutto il giorno sotto osservazione dei medici. Poi, le dimissioni, il ritorno a casa e, nella notte, la morte.

L’ospedale ha tenuto a precisare che è stato dimesso contro il parere medico per smentire le responsabilità sulla morte del ragazzo, anche a seguito dell’apertura da parte della procura di un fascicolo con l’accusa di omicidio colposo. Dalle prime indagini, infatti, risultava che il giovane fosse stato dimesso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Legato, denudato e cosparso di benzina dal 63enne che stavo aiutando”: il racconto del ragazzo trovato dai pompieri nel Trevigiano

next
Articolo Successivo

Il Papa rompe il silenzio: “Penso a Santa Sofia che diventa moschea e sono molto addolorato”

next