Sta facendo discutere sui social un video diventato virale in cui si vede l’ex fuoriclasse del Napoli Diego Armando Maradona cimentarsi in uno strano balletto e poi, improvvisamente, calarsi i pantaloni. A 34 anni esatti di distanza dagli storici gol all’Inghilterra nel Mondiale di Messico ’86, nel filmato si vede l’ex Pibe de Oro improvvisare una danza sulle note de Bombón Asesino’, brano tipico argentino. Con lui in casa ci sono alcuni amici – che riprendono la scena – e la sua ex compagna Veronica Ojeda, che si unisce a lui nelle danze.

Maradona mostra difficoltà a parlare e poi, ad un certo punto, si abbassa i pantaloni e le mutande, mostrando le natiche a chi stava girando il video. A far discutere non è stato solo questo suo gesto improvviso, ma anche il fatto che non si capisce se questo filmato sia stato girato ora, quindi in violazione delle norme di isolamento dal momento che il Sudamerica è in piena emergenza coronavirus. Non solo, vedere Maradona muoversi così goffamente e faticare a parlare ha gettato nello sconforto i suoi fan, preoccupati per le sue condizioni di salute.

“È tutto grottesco e terrificante: una volta ci davi gol e felicità, ora proviamo solo vergogna“, ha scritto un utente su Twitter. E ancora: “Questo video dovrebbero vederlo tutti i giovani: quello che è stato il più grande calciatore della storia, oggi è uno straccio umano che non riesce neanche a parlare, dopo tanti anni di consumo di droghe pesanti e alcol”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hikikomori, Marco chiuso in casa da 8 anni: “Ho paura del giudizio sociale”

next
Articolo Successivo

Il teletrasporto quantico si può fare davvero (ma non sarà come in Star Trek)

next