La crisi sanitaria deve essere una lezione affinché il mondo impari e tratti “i cambiamenti climatici con un’urgenza simile”, addottando “la forza necessaria”. Intervistata dalla Bcc, l’attivista simbolo della lotta per la sostenibilità Greta Thunberg sottolinea ancora una volta che l’unico modo per ridurre le emissioni è apportare cambiamenti fondamentali ai nostri stili di vita, a partire dai paesi in via di sviluppo. Anche se, ha rilevato, “non credo che nessun leader ne abbia il coraggio” anche se è incoraggiata dal fatto che i politici ora sottolineano l’importanza di ascoltare scienziati ed esperti.

“Improvvisamente le persone al potere stanno dicendo che faranno ciò che serve perché non si può dare un prezzo alla vita umana”, ha aggiunto la giovanissima attivista svedese. Quanto ai leader dei paesi sviluppati, che l’hanno incontrata a New York e si sono fatti fotografare con lei, durante l’Assemblea generale dell’Onu, Greta ha detto: “Forse lo hanno fatto per far dimenticare la vergogna della loro generazione che ha deluso tutte le generazioni future. Forse li aiuta a dormire la notte”.

Oltre a parlare di lotta ai cambiamenti climatici, Greta, riferendosi alle proteste anti-razziste del movimento ‘Black Lives Matter‘, ha parlato di “risveglio” della società. “Credo che abbia superato un punto di svolta, non possiamo più distogliere lo sguardo da ciò che ha ignorato per così tanto tempo se si tratta di uguaglianza, giustizia o sostenibilità”. E “le persone stanno iniziando a trovare la propria voce, per capire che possono effettivamente avere un impatto”. Ecco perché, ha aggiunto, “l’umanità non ha ancora fallito“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina-India, spero che gli scontri al confine non distraggano il mondo dalla conquista targata 5G

next