Da un lato il Nursing up con un flash mob davanti alla prefettura per chiedere “dignità e rispetto“, dall’altro il Nursid con una colonna di dieci camion per ricordare allo Stato di “onorare” gli impegni presi con gli infermieri. È la doppia manifestazione degli operatori sanitari che questa mattina, come in molte altre parti d’Italia, ha coinvolto Torino. Con indosso una maglietta bianca con il simbolo di Superman e qualcuno ancora con le protezioni indossate durante l’emergenza Covid, gli infermieri del Nursing Up, dopo aver osservato un minuto di silenzio per ricordare George Floyd, hanno affidato alle note de Il silenzio suonato in piazza il messaggio rivolto al governo, in attesa di essere ricevuti in delegazione dal prefetto. “Non vogliano essere dimenticati – sottolinea Claudio Delli Carri, segretario piemontese del Nursing Up – quello che chiediamo è una contrattazione autonoma per le figure sanitarie, valorizzazione del personale, nuove assunzioni di tutte le professionalità, anche oss, riconoscimento economico”

A Genova, invece, gli infermieri anno voltato le spalle al palazzo della Regione, ma idealmente, come hanno detto, a “tutte le istituzioni“, tenendo in mano cartelli e striscioni che chiedono “rispetto”. Venerdì gli operatori sanitari liguri hanno organizzato un presidio sotto la Prefettura per chiedere un riconoscimento per la categoria sia dal punto di vista organizzativo sia da quello economico. “Non ci interessa l’etichetta di ‘eroi’. Noi siamo professionisti e vogliamo essere trattati come tali”, hanno detto.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trenord, rider contro il divieto di portare le bici sui treni: “Impossibile lasciarle a terra, rischio furti. Così si colpiscono i lavoratori”

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, gli operai di Taranto: “ArcelorMittal è inaffidabile. Inaccettabile un’altra trattativa. Ecco i nostri 6 punti per rilanciare l’acciaieria”

next