Il 57% dei cittadini testati di Bergamo è risultato positivo al coronavirus, il 30% invece del personale sanitario esaminato. Dal 23 aprile al 3 giugno, 20.369 persone della città – la provincia conta più di un milione di abitanti – sono state sottoposte ai test sierologici: 9.965 cittadini e 10.404 sanitari. Dai risultati, resi noti dall’Agenzia di tutela della salute (Ats) Bergamo, è emerso che più della metà dei cittadini sono risultati essere stati in contatto con il Covid-19, mentre questa percentuale scende al 30% tra il personale sanitario.

Dai dati di oggi, 8 giugno, della Protezione civile la provincia di Bergamo ha registrato fino ad ora 15.070 casi di contagio di Covid-19. In tutta la Lombardia, sono 194 positivi in più, pari al 69,2% dell’aumento odierno in Italia, e altre 32 persone sono morte per Covid, per un totale di 16.302 vittime.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, tornano a crescere i contagi: 280 nuovi casi, 194 in Lombardia. Altri 65 morti

next
Articolo Successivo

Enzo Bianchi, parla Amedeo Cencini, inviato dal Papa al monastero di Bose: “Vicenda non chiara per molti. Siamo ancora all’inizio”

next