Si è aperta la fase 2 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Bianca Leonardi

Gridano la loro rabbia a mascherine abbassate, inneggiano la libertà abbracciandosi sprezzanti del pericolo: sono i Gilet Arancioni, quell’orda di persone che ha occupato Piazza Duomo a Milano in segno di protesta. Non ci sono parole per descrivere la follia di un comportamento del genere, guidato da Antonio Pappalardo, proprio nella regione epicentro della pandemia che è ormai in ginocchio da mesi, ci sarebbe piuttosto da chiedersi come sia stato possibile autorizzare tale manifestazione.

La cosa ancora più sbalorditiva e terrificante non è la presenza di queste persone in preda all’esaltazione – perché di esaltazione si tratta – che invocano il ritorno della lira italica e protestano contro un governo che ci sta fregando perché il Coronavirus, nelle loro menti, dove la sola idea del complotto rimbomba, è solo un’invenzione, un trucco per ingannare il popolo italiano. Ma tutti coloro che, violando le norme anti-contagio, hanno deciso di abbracciare questa irrazionale e pericolosa tesi, facendosi portavoce della più bieca e squallida Italia in cui risulta impossibile, a tutti coloro che abbiano un minimo di buonsenso e cultura, riconoscersi.

Se non fosse per i 33mila e passa morti a causa del Covid in questi ultimi mesi, questi italiani che si mostrano privi di etica, rispetto e moralità non sarebbero degni di nota ma, in un momento come quello che stiamo vivendo, le persone sono fragili, stanche ed impaurite ed è proprio su questo che i negazionisti fanno leva: sulle debolezze delle persone nei momenti di forte stress che, se portate allo stremo, conducono alla generazione di atti intollerabili.

Accanto a loro, appartenenti alla stessa specie, si sono fatti spazio i cosiddetti “No Mask”, nipoti probabilmente di qualche “No Vax” e fedeli alla linea del complotto, dove sentirsi vittima è la prerogativa, dove la disinformazione è sovrana. Coloro che criticano, rigorosamente senza mascherina, questa presunta dittatura sanitaria imposta da un governo che “vuole venderci alla Cina” sono gli stessi che spingono per un contagio di massa sostenendo che le tanto ambite mascherine sono in realtà pericolose per la nostra salute.

Tutti sarete inciampati sulle atrocità scritte su Facebook a riguardo, in particolar modo rivolte alla Federazione italiana Pediatri: “assassini”, “la mascherine sono un abominio”, “venduti alla mafia dell’Oms”, “i bambini non si toccano”, “pagherete per questo crimine” e tanta altra violenza vomitata a discapito di chi, se mai ce ne sarà bisogno e ci auguriamo di no, sarà in prima linea per salvare i loro figli.

Ecco, tutto ciò, che è poi la sintesi spicciola del pensiero dei detentori di quella verità scomoda ma degna di essere svelata ad ogni costo, rappresenta esattamente il degrado di una società che è specchio dell’ignoranza e del menefreghismo.

La cosa simpatica, se così si può definire, è che questi gridano tanto alla “democrazia”, quella democrazia manipolata a loro piacimento e che calpesta inevitabilmente quei doveri che sono diventati ormai solo fuffa. Giustificando la violenza con la “libertà” e “dignità”, termini che in bocca a coloro che infondano solo odio sono un’offesa a tutte le migliaia di persone che non hanno più la voce per poter rispondere, si perde inevitabilmente il senso reale delle cose e anche quelle che dovrebbero essere le priorità, come le persone care, i figli, i genitori e la loro salute, diventano solamente pretesti per sfogare le proprie frustrazioni e per alimentare il proprio ego.

Tutto ciò è estremamente triste quanto pericoloso ed è bene abituarsi all’idea che la battaglia da combattere non è più né politica, né sanitaria ma solo ed esclusivamente culturale e abbiamo il dovere di vincerla. Abbiamo pagato il prezzo della pandemia, quello della strafottenza non dobbiamo scontarlo. Come diceva Battiato? “In quest’epoca di pazzi ci mancavano gli idioti dell’orrore”.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, 18enne aggredito con cinque coltellate alla schiena: fermati tre ragazzi di 16 e 17 anni

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Grecia quarantena per chi arriva dal Nord Italia. Di Maio: “Siamo pronti a chiudere le frontiere a chi non ci rispetta”

next