“La pandemia non esiste”. Con questo motto i gilet arancioni, guidati da Antonio Pappalardo, arrivano in Puglia, con un’altra manifestazione e un altro assembramento. Anche in questo caso, come per la protesta andata in scena ieri in diverse piazze italiane tra cui Milano, l’uso delle mascherine sembra essere un optional. Il generale, presidente del gruppo, già noto per essere tra gli animatori dei forconi e per avere notificato, nel dicembre del 2017, un verbale d’arresto a Mattarella (vicenda per cui è a giudizio per vilipendio del Capo dello Stato) davanti al teatro Piccinni di Bari, ha ribadito che l’emergenza per il coronavirus “è una cagata pazzesca”. In risposta centinaia di manifestanti hanno urlato più volte “libertà, assassini, buffoni”, e cantato a più riprese l’Inno di Mameli, con tanto di trombette da stadio, bandiere e un paio di striscioni tricolori.

Una protesta simile a quella che si è tenuta ieri di fronte al Duomo di Milano e che il settimanale Famiglia Cristiana, con un commento a firma di Francesco Anfossi, ha definito “la più imponente riunione di idioti degli ultimi decenni“. Il motivo? “Nessuno di loro aveva la mascherina, e teneva la men che minima distanza, proprio nel giorno in cui in Lombardia si superava la soglia dei 16 mila morti”. Un duro attacco che però non è isolato. Anche ieri, per esempio, il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori e quello di Milano, Beppe Sala, hanno sottolineato l’irresponsabilità della manifestazione. “Erano poche decine di sciamannati, ma erano sempre troppi. Spero che siano identificati e denunciati”, ha scritto il primo cittadino del bergamasco. La sindaca di Torino Chiara Appendino, inoltre, ha ribadito l’utilità scientifica della mascherina nella lotta al Coronavirus, citando un articolo di una delle riviste scientifiche più autorevoli al mondo, Science, e commentando: “Lo schema è molto semplice e intuitivo: se la indossiamo tutti, l’esposizione al rischio si minimizza”. Il sindaco di Milano, invece, definito dall’ex generale “un cialtrone politico”, non è entrato nel merito delle convinzioni del Movimento. Ha sottolineato solo che “dobbiamo avere la pazienza di ascoltare tutti” e semmai, se la loro idea è quella di tornare alla lira, “bisognerebbe chiedere loro se a questo punto l’Italia dovrebbe rinunciare subito ai fondi europei”.

Proprio per l’assenza di distanziamento e di mascherine, Papparlardo verrà denunciato nelle prossime ore per violazione delle disposizioni che riguardano il Dpcm. Previste sanzioni anche per i manifestanti di Milano, già identificati dagli investigatori della Digos, che riceveranno sanzioni amministrative, cioè multe da 400 a 3000 euro per la violazione delle norme anti-Covid. Il “tour arancio”, che prevede cinque giornate di manifestazioni, iniziato con il presidio di ieri in piazza Duomo a Milano, non è però intenzionato a fermarsi. Come annunciato dallo stesso leader, il 2 giugno, giorno della Festa della Repubblica, il gruppo si è dato appuntamento ancora una volta a Roma per “chiedere le dimissioni del governo”.

“Il Coronavirus non è letale – ha sottolineato Pappalardo durante la manifestazione a Bari – ammazza gli ultra 80enni malati. Basta con le menzogne e le falsità, avete terrorizzato il popolo italiano, lo avete annichilito”. Dal palco, prima e dopo il suo intervento, è stato chiesto – con scarso risultato – di rispettare il distanziamento sociale, poche le mascherine indossate dai partecipanti alla manifestazione, controllata a distanza da Polizia, Carabinieri e Vigili urbani. Durante una diretta su Facebook l’ex generale ha promesso, appunto, di tornare a Roma il 2 giugno: “Il popolo si riunirà per ripristinare libertà e democrazia nel nostro Paese”. Le cinque giornate di manifestazione, ha aggiunto, hanno l’obiettivo di “cacciare questa dittatura nazista dal nostro Paese. Perché la gente non ne può più di questa vergogna di essere costretti a stare lontani, non accadeva da tre mesi, senza mascherine abbiamo ricominciato a respirare e la gente gridava: ‘Libertà'”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caporalato sui rider, più di 1000 fattorini fermati in strada e ascoltati dai carabinieri

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Toscana mascherine gratis nelle edicole: ogni tessera sanitaria un pacco da 10. Regione: “Evitiamo assembramenti”

next