Un 19enne è morto a Detroit, in Michigan negli Stati Uniti, da alcuni spari provenienti da un suv. Gli spari erano indirizzati contro la folla che stava manifestando per l’uccisione dell’afroamericano George Floyd avvenuta a Minneapolis da parte della polizia. Il ragazzo è morto in ospedale. La sparatoria è avvenuta verso le 23:30 di venerdì 29 maggio, vicino al quartiere dei divertimenti della città di Greektown, mentre la polizia si confrontava con i manifestanti. Secondo quanto riportato da un portavoce del dipartimento di polizia, l’uomo avrebbe sparato diversi colpi sulla folla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, a Gibilterra divieto di toccare le scimmie per i turisti: “Garantire che non si ammalino di Covid-19”

next