Un 19enne è morto a Detroit, in Michigan negli Stati Uniti, da alcuni spari provenienti da un suv. Gli spari erano indirizzati contro la folla che stava manifestando per l’uccisione dell’afroamericano George Floyd avvenuta a Minneapolis da parte della polizia. Il ragazzo è morto in ospedale. La sparatoria è avvenuta verso le 23:30 di venerdì 29 maggio, vicino al quartiere dei divertimenti della città di Greektown, mentre la polizia si confrontava con i manifestanti. Secondo quanto riportato da un portavoce del dipartimento di polizia, l’uomo avrebbe sparato diversi colpi sulla folla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Successivo

Coronavirus, a Gibilterra divieto di toccare le scimmie per i turisti: “Garantire che non si ammalino di Covid-19”

next