Almeno sette persone sono state raggiunte da colpi di arma da fuoco a Louisville, mentre alcuni manifestanti chiedevano giustizia per Breonna Taylor, una donna nera uccisa dalla polizia nella sua casa a marzo. La polizia metropolitana di Louisville ha confermato in una nota che ci sono state almeno sette vittime di spari, di cui almeno una in condizioni critiche. La dichiarazione afferma che ci sono stati “alcuni arresti”, ma la polizia non ha fornito un numero. “Nessun agente ha usato le proprie armi di servizio”, ha scritto il portavoce della polizia Lamont Washington in una mail all’Associated Press. Washington ha detto che tutti e sette erano civili. Circa 500-600 manifestanti hanno marciato per le strade del centro della città del Kentucky giovedì sera, secondo quanto riferito dal Courier Journal. La polizia inizialmente ha detto che gli spari sono stati segnalati intorno alle 23.30. La tensione nel Paese è molto alta dopo l’uccisione di George Floyd.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’Unione Africana compie gli anni e l’Italia mette in scena la sua ipocrisia

next