Almeno sette persone sono state raggiunte da colpi di arma da fuoco a Louisville, mentre alcuni manifestanti chiedevano giustizia per Breonna Taylor, una donna nera uccisa dalla polizia nella sua casa a marzo. La polizia metropolitana di Louisville ha confermato in una nota che ci sono state almeno sette vittime di spari, di cui almeno una in condizioni critiche. La dichiarazione afferma che ci sono stati “alcuni arresti”, ma la polizia non ha fornito un numero. “Nessun agente ha usato le proprie armi di servizio”, ha scritto il portavoce della polizia Lamont Washington in una mail all’Associated Press. Washington ha detto che tutti e sette erano civili. Circa 500-600 manifestanti hanno marciato per le strade del centro della città del Kentucky giovedì sera, secondo quanto riferito dal Courier Journal. La polizia inizialmente ha detto che gli spari sono stati segnalati intorno alle 23.30. La tensione nel Paese è molto alta dopo l’uccisione di George Floyd.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Unione Africana compie gli anni e l’Italia mette in scena la sua ipocrisia

next