È polemica sull’esame di terza media. Al centro della discussione i tempi per la discussione dell’elaborato degli studenti, ma c’è anche chi grida all’”incostituzionalità” della prova. In queste ore la Cisl Scuola è intervenuta con fermezza: “L’esame di terza media così come previsto dall’ordinanza del ministero dell’Istruzione sembra aver perso ogni elemento caratterizzante l’esame di Stato e questo solleva diversi dubbi anche alla luce dell’art. 33 della Costituzione“. I dirigenti scolastici aderenti all’organizzazione sindacale sollevano dei dubbi: “L’esame proprio non c’è. Non c’è ammissione, non c’è commissione, non c’è alcuna prova e questo mal si accorda con le previsioni costituzionali”.

Ma la questione che suscita le maggiori polemiche è la presentazione della famosa ‘tesina’. A detta dei presidi Cisl “la discussione dell’elaborato è collocata nell’ambito dell’attività didattica ordinaria, entro la fine delle lezioni. I problemi che ne derivano sono molteplici, sia rispetto alla possibilità di organizzare in tempi tanto brevi tutti gli adempimenti, sia rispetto al fatto che non è chiaro se il consiglio di classe che deve ascoltare l’esposizione sia inteso come collegio perfetto, se debba essere presente il dirigente scolastico (si parla di docenti del consiglio di classe) e come nel frattempo possa essere mantenuta l’attività didattica sincrona con tutti gli altri allievi”.

A sollevare il problema dei tempi è stata anche l’Associazione nazionale presidi, che nei giorni scorsi ha scritto una lettera alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina proprio a questo proposito. Il presidente Antonello Giannelli ha fatto presente che ogni dirigente di scuola secondaria di primo grado si troverebbe entro un mese a dover riunire il collegio per deliberare modalità e criteri di valutazione dell’elaborato e del percorso triennale; a riunire i consigli di classe per declinare criteri e modalità, individuare la tematica da assegnare a ciascun alunno e formulare proposte sul calendario delle presentazioni. Dovrebbe infine partecipare, presiedendo i rispettivi consigli, alla presentazione degli elaborati (sei classi terze di circa 25 alunni richiedono, per una simile attività, almeno 13 giorni, compresi i sabati).

Il problema sollevato da Giannelli (e non solo) sembra essere stato considerato dalla ministra dell’Istruzione e dal Consiglio superiore della pubblica istruzione, che sta esaminando l’ordinanza che sarà essere discussa in seduta plenaria proprio mercoledì per poi tornare sul tavolo della Azzolina. Lo stesso Giannelli aveva suggerito “di lasciare all’autonomia delle istituzioni scolastiche la calendarizzazione delle operazioni d’esame, prevedendo che queste si concludano entro il termine, realistico, del 30 giugno“. Il presidente del Cspi, Francesco Scrima, assicura che la commissione istruttoria è al lavoro: “Lunedì c’è stato un primo incontro, ne seguiranno altri ma mercoledì discuteremo lo schema preposto. Il nostro parere è obbligatorio ma non vincolante. Sappiamo che vi sono problemi sui tempi dell’esame e avanzeremo delle soluzioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, quale futuro per la scuola e l’università? Segui la diretta dell’Edu Day con i ministri Azzolina e Manfredi

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la proposta della senatrice Pd Iori: “Niente voti per le scuole primarie, non tutti hanno potuto fare lezioni e verifiche”

next