A Napoli davanti alla sede di Confindustria un gruppo di attivisti di “Potere al Popolo” non ha rinunciato alla piazza in occasione del 1 maggio, rischiando anche una multa. Obiettivo di questa breve e simbolica protesta era chiedere tutele e diritti dei lavoratori soprattutto durante la pandemia. “Oggi più che mai in tema di lavoro c’è poco da festeggiare, qui si rischia l’emergenza sociale. Siamo in piazza per ricordare innanzitutto il sacrificio del personale sanitario deceduto durante l’emergenza Covid – dice Chiara Capretti – ma vogliamo accendere i riflettori sulla mancanza di controlli e dispositivi di protezione nelle aziende che non hanno mai chiuso o che riapriranno a breve. Servirebbe – prosegue l’attivista – un controllo popolare affinché si rispettino tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza. A tal proposito abbiamo istituito un numero rosso di emergenza grazie al quale riceviamo le segnalazioni dei lavoratori che possono denunciare il mancato rispetto dei dispositivi di protezione. Ma anche dei tanti cittadini rimasti completamente fuori da ogni misura di sostegno economico da parte del Governo, come tutti i lavoratori precari e quelli che lavoravano in nero”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Primo maggio, i “rider precari fissi”: la Cgil lancia la serie ironica su problemi e speranze di Milano. Tra gli ideatori, Ripoldi del Terzo segreto di satira

next