La cultura a casa e gratis. SkyArte, per questo periodo di quarantena obbligata a causa del coronavirus, propone un palinsesto in streaming e un nuovo format a partire da martedì 7 aprile. Cosa succede agli artisti, alle istituzioni artistiche e ai protagonisti dell’arte? A cercare di dare una risposta ci prova “Io ti vedo, tu mi senti?”, il nuovo programma prodotto da Sky Arte e TIWI, completamente realizzato da casa, in onda il martedì e il venerdì su tutti i canali di Sky Arte (il canale satellitare, il canale in streaming, Facebook e Instagram). A “condurre” queste pillole sarà il giornalista Nicolas Ballario, che intervisterà virtualmente vari artisti che stanno facendo attivamente qualcosa contro il coronavirus. Disponibili anche alcune produzioni internazionali di Sky Arte, tra cui “Perché balliamo?” o “Il mistero dei Capolavori perduti”. Tra questi anche la puntata su Klimt, di cui qui potete vedere un estratto, con un focus sulla tela Medicina, del 1901, considerata “pornografica”, rubata e poi data alle fiamme dalle Ss naziste.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il messaggio di speranza di 700 bambini: danno vita al più grande coro virtuale al mondo e cantano “Nessun dorma” di Puccini

next
Articolo Successivo

“Osate essere inattivi”, ecco cos’è il niksen e perché ora è più utile che mai

next