Dalla città di Guayaquil, la più colpita dal coronavirus in Ecuador, arrivano immagini drammatiche. I corpi di coloro che sono morti nelle case, per il virus o per altri motivi, hanno iniziato a essere gettati sui marciapiedi, negli angoli, nei portoni o nei contenitori dell’immondizia, avvolti in rudimentali sacchi di plastica, e in certe circostanze dati alle fiamme.

Il problema del recupero delle persone decedute in città dura da più di una settimana. Testimoni denunciano di aver chiamato i numeri di emergenza per far ritirare i morti, ma nessuno ha dato loro una soluzione e i corpi sono rimasti in casa per due e anche quattro giorni di attesa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, New York Times: “Negli Usa vendute 1,9 milioni di pistole in un mese per paura dell’epidemia”

next
Articolo Successivo

Serbia, noi volontari sulla rotta balcanica costretti alla fuga. E ora temiamo che il virus entri nei campi

next