Secondo un rapporto di Human Rights Watch e dell’associazione per i diritti dell’infanzia Belady, in Egitto gli arresti, le torture e le sparizioni non risparmiano neanche ragazzi di 12 anni.

Il rapporto descrive 20 casi di adolescenti tra i 12 e i 17 anni che hanno subito violazioni dei diritti umani per lo più ad opera dell’Agenzia per la sicurezza nazionale, i servizi di sicurezza civili.

Per ricostruire nei minimi dettagli le loro storie, gli autori del rapporto hanno ascoltato le vittime, i loro familiari e i loro avvocati e hanno visionato atti giudiziari, documentazione medica, petizioni rivolte alle autorità e materiali video.

Quindici dei 20 ragazzi hanno denunciato di aver subito torture durante la detenzione preventiva, di solito nel corso di interrogatori effettuati in condizioni di totale isolamento. Sette dei 15 hanno riferito di essere stati torturati con cavi elettrici sulla lingua e sui genitali o di essere stati colpiti con pistole elettriche.

Uno di loro, 16 anni, ha detto a un parente di temere di non potersi più sposare o avere figli a causa delle torture subite in carcere.

Altri due hanno raccontato di essere stati tenuti appesi con le braccia legate dietro la schiena, con conseguente lussazione delle spalle, che sono poi state rimesse a posto da un compagno di prigionia, specializzato in Medicina.

Un caso di sparizione forzata, quello di Belal B., 17 anni al momento dell’arresto, si è protratto per 13 mesi senza che le autorità fornissero alcuna informazione ai familiari.

Le violazioni dei diritti umani ai danni dei minorenni, così come degli adulti, già frequenti ai tempi di Mubarak, sono diventate la norma sotto la presidenza di al-Sisi.

La maggior parte di esse chiama in causa l’Agenzia per la sicurezza nazionale, l’organismo di cui fanno parte le persone sospettate del rapimento di Giulio Regeni e responsabili dell’arresto di Patrick Zaki.

Il sistema repressivo egiziano funziona a pieno ritmo anche grazie alla complicità del potere giudiziario. Secondo la legge, una persona deve comparire di fronte al giudice entro le prime 24 ore dal’arresto. Per nascondere le sparizioni, i giudici attestano sistematicamente che questa disposizione è stata rispettata, falsificando la data d’arresto.

Sempre secondo la legge, la detenzione senza processo può durare al massimo due anni. Un ragazzo stato trattenuto per 30 mesi, perdendo tra l’altro la parte finale del suo percorso scolastico.

Naturalmente, su queste denunce non è stata aperta alcuna indagine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, esodo biblico in India dopo il lockdown: lavoratori disperati tornano dalle città ai villaggi – FOTO

next
Articolo Successivo

Coronavirus, quasi 3mila morti negli Usa: “A rischio 47 milioni di posti di lavoro”. Spagna supera la Cina nei contagi. Pechino: “Europa non faccia politica sui nostri aiuti”

next