Ci sono esigenze che vanno assicurate. Non possiamo garantire la spesa a domicilio per tutti. Sono state previste limitazioni ad attività lavorative non essenziali, ma ci sono una serie di filiere come quelle di alimentari e servizi pubblici essenziali, che devono essere garantite”. Lo ha detto il commissario il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, durante il punto stampa quotidiano. Borrelli si riferisce agli appelli provenienti da più parti affinché il governo valuti la sospensione di tutte le attività essenziali. “Quelle in atto – ha aggiunto il commissario – sono le misure massime che si potevano adottare. Dopodiché c’è la chiusura totale e mi domando come potremmo sostenerci se non usciamo a fare la spesa e senza alimentari nei supermercati?”. Mentre sugli orari di apertura dei supermercati, terreno in cui le regioni si stanno muovendo in ordine sparso, Borrelli ha auspicato “orari più ampi per evitare assembramenti” e “uniformità di comportamenti e indicazioni univoche”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, a Torino associazione proietta cartoni sulle facciate dei palazzi: “Piccolo gesto che può essere d’aiuto per bambini e famiglie”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Brusaferro (Iss): “Non circola un virus diverso, a oggi non abbiamo evidenze di una mutazione. Né in Italia e né in Europa”

next