La Scozia vuole distribuire gratuitamente i prodotti sanitari femminili. Martedì 25 febbraio il Parlamento ha dato il primo via libera a un disegno di legge che rende disponibili gli assorbenti in posti pubblici come centri ricreativi e farmacie. Già dal 2018, prima nazione al mondo, sono distribuiti gratis in scuole e università. Il costo stimato annuale per la nuova legge è di 24,1 milioni di sterline. Il Period Products Scotland Bill ha passato la prima fase con 112 voti a favore, nessuno contro e un’astensione e approderà ora alla seconda fase, dove i parlamentari potranno proporre emendamenti.

La prima firmataria del disegno di legge è Monica Lennon, che durante il dibattito ha detto il via libera sarebbe un passo importante per “normalizzare le mestruazioni in Scozia e dare un vero segnale alle persone in questo Paese riguardo a quanto seriamente il Parlamento prende l’uguaglianza di genere”. Allo stesso modo la collega Alison Johnstone ha dichiarato: “Perché nel 2020 la carta igienica è vista come una necessità ma non lo sono i prodotti per le mestruazioni? Essere penalizzati finanziariamente per una funzione corporea naturale non è né equo né giusto”.

Nel Regno Unito i prodotti sanitari sono tassati al 5%. Tra le peggiori c’è l’Italia (aliquota al 22%): a dicembre è stata abbassata al 5%, ma solo per gli assorbenti compostabili (ovvero una fetta molto piccola di mercato). Male anche Ungheria (27%), Danimarca, Svezia e Norvegia (25%). La situazione è migliore in Francia (5,5%), Belgio e Olanda (6%). La Germania è riuscita a far scendere l’aliquota dal 19 al 7 per cento a novembre scorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Harvey Weinstein, la sua condanna potrebbe non bastare

next
Articolo Successivo

Coronavirus, difficoltà per i disabili in zone rosse. ‘Disorganizzazione e operatori senza mascherine. Famiglie non siano lasciate sole’

next