Questa non è una infezione che andrà via in una settimana. Arriverà in Italia, farà il giro del mondo, combinerà dei guai importanti nei Paesi più poveri. Quindi, bisogna organizzarsi. Le aziende italiane, ad esempio, possono cominciare a pensare al telelavoro in modo da evitare il contagio massivo da Coronavirus Covid-19. E soprattutto vi prego: non perdete la fiducia nelle istituzioni”. È l’appello pronunciato a “L’aria che tira” (La7) dalla virologa Ilaria Capua, direttore del Centro di eccellenza dedicato alla ‘One Health’ dell’Università della Florida.

E aggiunge: “Nei momenti di emergenza bisogna sempre ascoltare le istruzioni e le linee guida che arrivano dai centri di Crisi, che sanno quello stanno facendo. Quindi, la cosa più brutta che può accadere è che si perda la fiducia nelle istituzioni. E io credo che i media abbiano un ruolo importantissimo in questo e che quindi ci sia il panico”.

La scienziata spiega: “I coronavirus respiratori sono sempre dei virus che non provocano delle forme cliniche molto gravi. Perché, però, l’Oms è così preoccupata di questa emergenza? Perché ha ramificazioni soprattutto sui sistemi sanitari per i Paesi che ne sono dotati. Questo è un virus molto contagioso e l’unica cosa che possiamo fare è mettere in atto la quarantena, che è esattamente quello che sta facendo la Cina. La cina, cioè, sta cercando di proteggere gli altri Paesi, comportandosi un po’ come gli eroi di Chernobyl e di Fukushima. Se la Cina non avesse messo in quarantena alcune province, in questo momento ci sarebbero molti più infetti in giro per il mondo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, rubata la bandiera della sede del Pd in via Catanzaro: indagano i carabinieri

next
Articolo Successivo

La7, l’ex brigatista Raimondo Etro a Non è l’Arena: “Meglio mani sporche di sangue, che di acqua”. Giletti lo caccia dallo studio

next