Aveva deciso di inviare una lettera al Capo dello Stato, segnalando i rischi di inquinamento del mare che potrebbero derivare dal depuratore in costruzione a Manduria. E ora Giulia, alunna 12enne della classe 2°B della scuola media del comprensivo ‘Prudenzano’ di Manduria (Taranto), ha ricevuto un mese dopo la risposta di Sergio Mattarella, recapitata attraverso l’ufficio di segreteria, dal Presidente della Repubblica. “Continua ad impegnarti sul problema dell’inquinamento marino e a non perdere la fiducia nel futuro del nostro Paese”, le ha scritto il Capo dello Stato.

La lettera di Giulia – “Ho deciso di scrivere a Lei perché è una persona molto importante, ma anche molto umile – scrive Giulia -. Nel mio paese ci sono molti problemi, fra cui uno in particolare che riguarda il mio mare. Stanno costruendo un grande depuratore e c’è il rischio che i reflui possano finire in mare. Ciò significa che io e tutte le altre persone non potremmo più recarci al mare. Si rischia, insomma, un grave danno ecologico e nessuno sta facendo nulla per scongiurarlo”. Dopo circa un mese, la sorpresa: Giulia e la sua famiglia trovano nella buca delle lettere di casa una missiva del Quirinale.

“Il Presidente della Repubblica – è scritto – ti ringrazia per le considerazioni che hai voluto condividere sul grave problema dell’inquinamento marino che, vivendo a Manduria, ti sta particolarmente a cuore”. “Tu sai che sul problema dell’inquinamento a livello mondiale, così complicato e delicato, sono intervenuti moltissimi ragazzi, alcuni più grandi di te, scendendo a manifestare nelle piazze di tante città del mondo. Il cambiamento profondo, di stile di vita e di mentalità, deve comunque avvenire a opera di tutti noi e il Capo dello Stato – conclude la lettera – sta profondendo tutto il suo impegno, pur nei limiti delle sue competenze, per questo, facendo sentire spesso la sua voce perché anche l’Italia faccia al meglio la propria parte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Clima, muoverci subito verso le rinnovabili sarà ‘una decisione che non rimpiangeremo’

next
Articolo Successivo

Rivoluzione energetica, i progetti di successo sono quelli dove tutti ci guadagnano

next