I carabinieri della stazione di Napoli Borgoloreto hanno deferito in stato di libertà quattro minorenni di 15 e 16 anni per il reato di lesioni aggravate in concorso. Il 16 gennaio, su corso Garibaldi, avevano ferito con un coltello, per futili motivi, un coetaneo che tornava a casa dopo gli allenamenti di calcio. I militari sono partiti dall’analisi delle immagini del sistema di video-sorveglianza, riconoscendo uno degli aggressori, originario del Borgo Sant’Antonio Abate. Perquisita la sua abitazione, hanno trovato i vestiti indossati il giorno del reato. Gli altri tre hanno ammesso le proprie responsabilità di fronte al pubblico ministero. Due tra gli indagati avevano preso parte anche a un’aggressione, avvenuta lo scorso 17 gennaio, ai danni di alcuni poliziotti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, frontiere italiane aperte ma i visti per la Cina sono sospesi e il traffico aereo dall’Italia a Pechino è bloccato

next
Articolo Successivo

Massa Carrara, follia in autostrada: guida in contromano sulla A15. Tir e auto lo schivano, poi l’inversione di marcia

next