“Cambiare il nome al Pd? Non so, so che serve una ripartenza nuova, un’identità precisa”. A dirlo Stefano Bonaccini, durante la conferenza stampa nel suo comitato elettorale dopo il voto che lo ha confermato presidente della Regione Emilia-Romagna. “Se oggi abbiniamo il nome del Pd, facciamo fatica a trovare le parole che lo connotino“, ha spiegato Bonaccini, aggiungendo: “Vedremo, discuteremo: quando capirò cosa si vuol fare, dirò la mia e darò il mio contributo. Serve qualcosa di nuovo che parta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Emilia-Romagna, a Bibbiano e al Pilastro vince il Pd. La Lega più votata a casa di Bersani. Bonaccini trionfa nelle città

next
Articolo Successivo

‘Questa è l’Emilia Romagna, bellezza’

next