E anche queste elezioni – come direbbe il grande attore Riccardo Garrone – nel film cult Vacanze di Natale, “se le semo levate dalle palle”. Perché nonostante quello che Matteo Salvini dice da anni, in Italia siamo sempre in campagna elettorale e si vota spesso e volentieri.

Vediamo i risultati.

Nonostante il trionfalismo smisurato di Salvini le elezioni hanno dato un risultato chiaro: La Lega ha perso e ha iniziato la sua vera parabola discendente. Ha perso clamorosamente in Toscana. Al Sud è praticamente sotto il 10% ovunque. In Campania non arriva al 6%.

In Toscana non supera il 21%. In Veneto, dove trionfa Zaia, la Lega non supera il 16% e la Lista del Governatore arriva al 44%. In Liguria, dove vince Toti, la Lega si ferma al 17,1%.

Insomma, quello che raccontavano i sondaggi – che davano una Lega lanciata verso la vittoria con numeri bulgari – si è poi scontrato con la realtà.

Ma solo un anno fa la Lega sembrava invincibile e aveva spinto l’ormai marinaio Salvini a chiedere pieni poteri. In quella occasione la spinta per le elezioni era diffusa anche nel Pd zingarettiano. A scompaginare gli scenari fu solo un politico: Matteo Renzi.

L’unico che nonostante offese di ogni tipo e denigrazioni continue a messo da parte ogni rancore personale e ha dato il via al governo Conte bis. Una scelta dolorosa e sofferta ma che serviva proprio a far sgonfiare l’euforico Salvini e a non consegnare il Paese alle destre sovraniste e populiste.

E quelli che ancora lo criticano sono rimasti al governo e al potere solo grazie all’appoggio di Renzi. Che ricordiamolo ancora una volta: in Senato e in Parlamento è fondamentale per la tenuta del governo. Questa è la vera storia.

Se il risultato di queste elezioni regionali vede il centrosinistra rifiatare è solo merito della mossa del cavallo di Matteo Renzi.

Un’altra cosa è emersa da queste elezioni. L’alleanza tra Pd e 5Stelle alle regionali si è rivelata fallimentare. Soprattutto nel metodo, ossia imporre un candidato alle altre forze e soprattutto ad Italia Viva.

C’è un risultato emblematico: alle elezioni suppletive del Senato per il Collegio del Nord Sardegna l’alleanza Pd-5Stelle ha fallito; ma soprattutto il candidato indipendente Avv. Agostinangelo Marras, sostenuto da Italia Viva, ha ottenuto il 25%. Un risultato enorme e una sconfitta clamorosa per il Pd e 5Stelle sardi.

A risultare sconfitto è soprattutto il metodo usato dal Pd e dai 5Stelle: credere che la loro fusione a freddo possa essere imposta a tutti. Per non parlare dei risultati pessimi del Movimento, che addirittura ha visto lanciare appelli al voto utile e disgiunto dai suoi stessi dirigenti nazionali e sponsor.

Insomma, ora bisogna cambiare passo.

Italia Viva, dopo appena un anno dalla sua nascita ha dato prova di coraggio, organizzazione e coerenza. Ha appoggiato i candidati del Pd dove vi era coinvolgimento ottenendo buoni risultati in Campania, con oltre il 7% e in Toscana circa il 5%. A cui si aggiunge il voto politico nazionale nelle elezioni suppletive del Senato in Sardegna con oltre il 25 % ottenuto dal candidato indipendente sostenuto da Italia Viva.

Questo conta ed è questo il dato nazionale. Grazie all’intuizione e al coraggio di Renzi la Lega ha perso credibilità e slancio. Ora le sfide saranno più importanti e Italia Viva sarà fondamentale per l’azione di governo: i soldi che ci darà l’Europa dovranno essere spesi tutti e bene con trasparenza, compreso il Mes.

Per questo sarebbe utile per una volta finirla con i soliti pregiudizi su Renzi. Troppo facile accodarsi e sotterrare la propria dignità e coerenza per nascondersi nel mucchio. Bisogna avere il coraggio di affrontare battaglie anche se sembrano impossibili e minoritarie.

Per questo il Pd sul referendum ad esempio ha sbagliato. Ma questa è un’altra storia e la vedremo a breve con le ipotesi di legge elettorale che saranno portate al vaglio del Parlamento.

Chi ha un briciolo di onestà intellettuale però lo ammetta: senza la mossa del cavallo di Renzi oggi il film sarebbe stato diverso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Comunali 2020, i risultati. Brugnaro rieletto a Venezia, testa a testa a Reggio Calabria e Bolzano. Mantova, vince Palazzi (Pd). M5s al ballottaggio a Matera

next
Articolo Successivo

Comunali 2020, Salvini e la previsione su Lesina (Foggia): “Un sindaco l’abbiamo già eletto”. E invece non si è raggiunto il quorum

next